Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Santamato: “Turismo, serve una cabina di regia unica con persone competenti”

136 Visite

“Una cabina di regia unica, con persone competenti, in grado di pensare al bene della Puglia. Se è vero, come è vero, che il turismo e la cultura sono asset strategici della nostra economia”.

Vito Roberto Santamato, docente, tra l’altro coordinatore del corso di laurea in progettazione e managment dei sistemi turistici e culturali dell’Università di Bari, ribadisce il suo concetto. Sempre attuale, anche alla luce dell’ultima polemica tra Federalberghi e Pugliapromozione sul bando regionale che avrebbe dovuto aiutare le imprese del settore, in crisi per l’emergenza Coronavirus.

Spiega Santamato: “Individuerei due aspetti. Il primo riguarda le ragioni legittime e sacrosante di chi aspettava le risorse finanziarie promesse dalla Regione – è bene ribadirlo – per salvarsi. Perché in questa fase, parliamo di sopravvivenza delle imprese, non di soldi per una ristrutturazione. Avere a che fare ancora oggi con rallentamenti, difficoltà e problemi burocratici, è assurdo”.

Il secondo aspetto?

 “E’ politico. Non spetta a me entrare nel merito. Bisogna capire, riflettere, avere più informazioni. Pugliapromozione è l’unica agenzia regionale a non aver mai avuto una governance. Cosa c’è dietro la polemica?”.

Turismo e cultura vanno sotto braccio. Dopo un decennio di risultati in crescita, di numeri roboanti, è arrivata la recessione. Colpa solo del Covid?

“Il ragionamento è lungo e complesso. Io, non sono mai stato ottimista per partito preso. I problemi ci sono, inutile nasconderlo. Però è ovvio che il calo drastico dipende da questa situazione. Non vorrei essere nei panni del prossimo assessore al turismo. Dovrà essere abilissimo a parare il colpo perché c’è il rischio di essere messi in discussione ogni giorno. Di sentirsi ripetere il ritornello: “Cosa stai facendo? Cosa devi fare?”.

Lei, come utilizzerebbe il periodo che ci separa dalla prossima stagione estiva?

“Approfitterei di questi mesi per impostare nuove strategie. Quando hai una batosta, ti siedi, rifletti e pensi a cosa potrai fare”.

 Fin qui la chiacchierata con Santamato. Poi ci sono le parole e i ragionamenti che il docente universitario, da esperto diplomatico, non racconta. Ma che intuisce l’intervistatore. Dietro l’accusa di Francesco Caizzi (Federalberghi) a Luca Scandale (Pugliapromozione) c’è il profumo della politica. Le parole forti, per alcuni aspetti inusuali – si è parlato di inadeguatezza e di scarsa incisività –  tirano in ballo il governatore Michele Emiliano. I due personaggi coinvolti nella polemica sono, entrambi, collocabili sotto la sua ala protettiva. Cosa che rende ancora più difficile da decifrare l’affondo, diretto. Il settore del turismo è costellato da una serie di organizzazioni di categoria, spesso divise su come raggiungere un obiettivo. Cosa pensa l’altra faccia della medaglia? Può per un altro mandato Pugliapromozione non avere una governance? L’attacco è un segnale per Emiliano, in vista delle nomine della Giunta e dell’inevitabile rimpasto a livello di dirigenti e direttori regionali?

  Come dicevano i nostri nonni: il tempo è galantuomo. Ci tocca aspettare ancora per capire.

Nani Campione

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo