Slider
Slider
Slider

Sp60 S. Giorgio – Triggiano, manutenzione carente e nuovi lampioni difettosi

609 Visite

Due corsie per senso di marcia, complanari, spartitraffico, pubblica illuminazione: non c’è dubbio che la Sp60, nonostante il suo breve tracciato (meno di 4 km), sia una delle strade extraurbane più trafficate di Bari. L’arteria collega la cittadina di Triggiano alla sua “marina”, San Giorgio, divenuta a tutti gli effetti un quartiere del capoluogo in epoca fascista.

Si tratta di una strada storicamente percorsa in lungo e in largo, dal momento che costituisce una porta di accesso al mare anche per i comuni limitrofi a Triggiano, oltre che un accesso alla tangenziale di Bari/Ss16. Molti i ciclisti in viaggio (qualcuno si avventura addirittura a piedi), a tutte le ore, come pure i mezzi pesanti per le tante attività produttive presenti in zona. Di certo non sono mancati incidenti mortali, e lo testimoniano alcune lapidi poste sul luogo.
Il poderoso ampliamento è stato realizzato in occasione dell’apertura del centro commerciale Bariblu, avvenuta nel 2007, per mettere in sicurezza la strada e per sostenere i nuovi volumi di traffico. L’ultimo upgrade risale invece al gennaio 2019, quando finalmente l’arteria è stata illuminata grazie all’installazione di lampioni a led. Sembrava che tutte le criticità della Sp60 fossero state risolte, ma così non era.

Già poche settimane dopo l’attivazione dell’impianto, diversi corpi illuminanti (in gergo “armature”) non si accendevano o emettevano luce fioca, lasciando zone d’ombra qua e là. Di frequente restava al buio persino un intero tratto della strada. La Città Metropolitana di Bari, in qualità di gestore, richiamò dunque la ditta esecutrice dei lavori e ottenne la sostituzione in garanzia delle armature difettose. Ebbene, in breve tempo si è tornati alla situazione di partenza. Chiaro che alla base di tutto ci sia un problema di posa in opera o di materiali scadenti, dinamiche purtroppo consuete negli appalti pubblici. Tuttavia è inammissibile che non si tutelino a dovere gli interessi della collettività, anche garantendo un corretto utilizzo dei fondi.

Nemmeno sul fronte della manutenzione, la Sp60 è gestita adeguatamente in relazione al traffico che sostiene. Il manto stradale è stato rifatto parzialmente appena un mese fa, alla bell’e meglio, per la prima volta dopo l’ampliamento delle carreggiate. Un’arteria a scorrimento veloce, percorribile fino a 80 km/h, è rimasta per troppi anni in condizioni precarie, con avvallamenti estesi dell’asfalto, buche aperte dalle piogge, segnaletica orizzontale sbiadita e più di qualche cartello divelto.

Note dolenti anche sullo sfalcio della vegetazione infestante, eseguito solo un paio di volte all’anno e con estrema superficialità. Tra arbusti lasciati crescere senza valido motivo, alberelli che spuntano sullo spartitraffico, scarti di potatura abbandonati sul ciglio della strada, rifiuti emersi dalle sterpaglie e non asportati (complice l’inciviltà dei cittadini), la sensazione è sempre quella di un lavoro lasciato a metà o svolto al massimo risparmio. I cespugli che sporgono sulle carreggiate sono un vero e proprio pericolo, perché costringono i ciclisti a spingersi più al centro e riducono la visibilità sulle complanari, oltre a nascondere in alcuni casi i segnali; non basta sfoltirli timidamente, andrebbero sradicati. Infine, laddove rotatorie e isole di traffico anonime potrebbero essere riqualificate anche con la sponsorizzazione dei privati, il tutto viene invece lasciato in preda alle erbacce e al degrado: un pessimo biglietto da visita per il territorio, del quale ne fanno le spese ingiustamente i comuni interessati.

Rivolgiamo dunque un appello alla Città Metropolitana, affinché vigili con maggiore attenzione sulla qualità dei lavori pubblici e sulle condizioni delle infrastrutture di propria competenza, in particolare la rete viaria. Che la sicurezza sia sempre al centro nella pianificazione degli investimenti, senza trascurare nemmeno il decoro quando possibile.

Slider

Promo