Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Poggiofranco, l’ex mercato coperto in condizioni fatiscenti. I residenti: “Demolitelo”

210 Visite

Anni di incuria hanno ridotto in condizioni fatiscenti – come si vede dalle foto –  l’ex mercato coperto di Poggiofranco, in via Carrante. L’enorme struttura, di oltre 2mila metri quadri, costruita alla fine degli anni ‘90, ha smesso di adempiere alla sua funzione originaria nel 2003, a causa dell’impossibilità, per i commercianti, di sostenere gli alti costi di locazione degli spazi per le merci.

Successivamente, l’edificio, che si sviluppa su due piani, venne chiuso al pubblico, per poi essere occupato, nel 2010, da alcuni collettivi di sinistra, allontanati dopo circa un anno di occupazione abusiva. A più di trent’anni dall’inaugurazione, il complesso conserva ben poco dell’antico splendore, e si evince la sua destinazione d’uso iniziale solo dalla segnaletica, che indica accessi e parcheggi ormai inutilizzabili.

L’immobile, di proprietà del Comune, resterà così com’è ancora a lungo, perché le casse cittadine pare non siano in grado di sostenere le spese necessarie per renderlo utilizzabile. Ed i residenti, che hanno sperato, nel tempo, nel riutilizzo del fabbricato, nel quale si pensava potesse sorgere, all’indomani  dello sgombero, un centro polifunzionale per le attività associative del territorio, ormai appaiono rassegnati.

C’è chi ritiene che l’unica soluzione sia l’abbattimento. Spiega Francesco, abitante della zona: “Alcune delle finestre sono aperte, ci saranno i topi, all’interno.  Lo stabile è fatiscente, ma sin dalla progettazione ci sono stati degli errori di progettazione, come la fogna, costruita in contropendenza. Mettere tutto a posto costerebbe milioni di euro. Non c’è un’alternativa realistica alla demolizione.”

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo