Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Polfer: un arresto, due denunce e una minorenne rintracciata

140 Visite

Un fine settimana intenso è stato quello della Polizia ferroviaria in Puglia. tra Bari, Barletta e Foggia sono stati effettuati diversi interventi che hanno portato all’arresto di una persona, due denunciati ed è stata rintracciata una ragazza scappata di casa.

Nell’atrio della biglietteria della stazione di Bari gli agenti si sono avvicinati ad una 17enne intimorita che aveva tutta l’aria di essersi persa. Ai poliziotti ha dichiarato di risiedere nella provincia di Foggia e di essere fuggita di casa dopo una discussione con i genitori, a loro insaputa. La scomparsa era stata da poco segnalata. La ragazza è stata rimasta con gli agenti finché non è arrivato il padre a Bari, che l’ha riportata a casa.

Alla stazione di Foggia, invece, è stato arrestato un 40enne, di nazionalità albanese, irregolare in quanto era stato emesso nei suoi confronti un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, con obbligo di non rientrare in Italia prima dell’anno 2022. L’uomo era sbarcato al porto di Bari. Durante il controllo dei documenti da parte della Polizia di frontiera, l’uomo è scappato. Immediatamente è partita la segnalazione alle Forze dell’Ordine territoriali. La Polfer cha scoperto che l’uomo aveva acquistato un biglietto per Padova ed era partito con un Frecciabianca. Così, all’arrivo a Foggia, gli agenti lo hanno fermato e arrestato. È in attesa di giudizio nel carcere di Foggia.

Infine, a Barletta la Polfer ha sorpreso 2  pregiudicati, zio e nipote, della provincia BAT,  mentre caricavano su un motocarro materiale ferroso e cavi di rame sottratti dalle infrastrutture della stazione di Casalonga. Sul motocarro c’erano circa 2 quintali di chiavardini, completi di bulloni e piastre e cavi di rame guainati di varie sezioni, un martello maleppeggio, utilizzato per scavare nel pietrisco della massicciata ferroviaria. Tutto il materiale è stato sequestrato mentre per i due congiunti è scattata la denuncia per concorso in furto aggravato.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo