Bariseranews.it – Oltre la notizia

La formazione della giunta e i mal di pancia che passano da soli

143 Visite

Mal di pancia, mal di stomaco mal di denti da parte dei partiti della coalizione di Michele Emiliano per la composizione della nuova Giunta regionale? Passeranno e senza neanche dover ricorrere ai farmaci. Alla prova dei fatti, cioè del voto in consiglio regionale, il presidente rieletto troverà la sua maggioranza. Perché l’alternativa, in teoria, se gli mancassero i voti è quella di tornare alle urne e quasi nessuno dei consiglieri eletti è disposto a perdere il suo seggio e il suo stipendio da circa 10000 euro al mese. Il sistema maggioritario, l’elezione diretta, blinda il Presidente eletto alla cui vita politica è vincolata l’intera assise dei 50 eletti. I comunicati, le lamentele, le interviste in qualche caso minacciose non sono altro che “rumori di carrozza”. I partiti, le liste della coalizione, sperano solo di poter ottenere qualche posto in più di sottogoverno, ma sanno perfettamente che dovranno accettare ogni decisione del governatore e non soltanto in tema di formazione della giunta regionale. Se per pura ipotesi di scuola, venisse meno l’appoggio da parte di pezzi di maggioranza, sarebbe quasi certamente l’opposizione ad andare in soccorso del presidente perché “in questo momento difficile col covid, la crisi, la disoccupazione, sarebbe da irresponsabili lasciare la Puglia senza governo e tornare alle urne”. Insomma ritroveremo in chiave pugliese quei “responsabili” che hanno contribuito a salvare la vita di qualche governo nazionale.

Promo