Bariseranews.it – Oltre la notizia

Uccise con un colpo di pistola alla testa il compagno: arrestata dai Carabinieri

245 Visite

È stata arrestata e condotta in carcere Mariangela Losurdo, 25 anni, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Bari Antonella Cafagna, perché ritenuta l’esecutrice materiale dell’omicidio di Pierpaolo Perez, 49 anni, ucciso con un colpo di pistola, calibro 9, alla testa all’interno della propria abitazione a Bitetto, il 26 giugno 2018.

Figlia di Pietro Losurdo, 57enne, già affiliato al clan Parisi e collaboratore di giustizia, Mariangela avrebbe ucciso Perez mentre dormiva sulla poltrona del soggiorno. Ma le motivazioni sono ancora oscure. Serviranno altri accertamenti. Potrebbe trattarsi di un delitto passionale legato anche a questioni mafiose. Ciò che sconcerta gli inquirenti è la fredda esecuzione da parte di Mariangela che è rimasta sempre in silenzio per tutto il periodo che il padre si è dichiarato colpevole.

La confessione del padre, Pietro, che si era autoaccusato dell’omicidio, sostenendo di la tesi del colpo di pistola partito accidentalmente, non aveva convinto gli inquirenti. Da approfondite indagini, I Carabinieri del Nucleo investigativo hanno ricostruito l’esatta dinamica degli eventi. Secondo gli atti del processo depositati al tribunale, Perez, uomo di fiducia di Pietro, aveva intrapreso una relazione sentimentale sia con Mariangela e sia con la madre 51enne. Dopo l’omicidio, Pietro ha poi cercato di ripulire la scena del crimine, recuperando anche la pistola.

In sede di udienza nel dicembre 2019, gli inquirenti hanno ribaltato la tesi autoaccusatoria, ottenendo una modifica del capo d’imputazione. Così la Losurdo è stato condannato alla pena di 3 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di false dichiarazioni all’autorità giudiziaria e detenzione e porto di arma da guerra.

La ragazza è ora a disposizione del Gip che nei prossimi giorni procederà con l’interrogatorio di garanzia.

Promo