Bariseranews.it – Oltre la notizia

Scuola, Tar Puglia respinge il ricorso: «La Ddi resta valida»

150 Visite

Il Tar della Puglia ha respinto il ricorso presentato dal Codacons Lecce e da alcuni genitori contro l’ordinanza emanata il 5 gennaio dal presidente della Regione Puglia e che obbliga – almeno fino al 15 gennaio – le scuole a fare ricorso al 100% alla didattica digitale integrata, con la possibilità quindi per i genitori di scegliere fra didattica a distanza (soluzione principale) e didattica in presenza (da richiedere agli istituti in forma ufficiale).

«Non sussistono i presupposti della misura cautelare interinale, in particolare non sussiste un danno grave e irreparabile da prevenire o a cui porre rimedio in via di urgenza con la misura stessa, anche in considerazione del breve periodo di vigenza dell’impugnata Ordinanza regionale», scrive la Terza sezione del Tar Puglia nel decreto.

Il tribunale amministrativo chiarisce inoltre che «Le Regioni possono introdurre misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal Governo nazionale». Secondo quanto decretato dal Tar, poi, l’ultima ordinanza regionale in materia di scuola non può considerarsi «Decaduta per il sopravvenire dei provvedimenti statali». La stessa ordinanza, precisa il Tar Puglia, è stata adottata il 5 gennaio, quindi “a valle” del decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 3 dicembre, dell’ordinanza del ministero della Salute del 24 dicembre e del decreto legge del 5 gennaio.

Promo