Bariseranews.it – Oltre la notizia

In Puglia batte un “Cuore d’Oro” quello di Irene Fiorentino

141 Visite

C’e’ chi nell’emergenza del Covid, nei momenti piu’ difficili, incurante dei rischi, si e’ dedicata ai piu’ deboli e fragili, assistendoli nel modo migliore. Irene Fiorentino, Coordinatrice delle Professioni Sanitarie della Asl di Bari, ha ricevuto per questo il Premio Internazionale “Cuore d’oro per la solidarieta’ e la Pace 2020”, riconoscimento istituito dall’Accademia delle Culture e delle Scienze Internazionali in collaborazione con la Confraternita dell’Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques de Molay – Poveri Cavalieri di Cristo..

La consegna è avvenuta  nella sede della Direzione generale, presenti il dg Antonio Sanguedolce, l’Ambasciatore di Pace dell’Accademia delle culture e delle Scienze Internazionali Giuseppe De Pasquale e il direttore amministrativo della ASL, Gianluca Capochiani. A margine della cerimonia, la coordinatrice delle professioni sanitarie ha ricevuto inoltre una pergamena benedetta dagli uffici papali.

“La dottoressa Fiorentino è stata valutata per la sua generosità e per la sua umiltà nell’impegno profuso in favore delle persone più deboli e con maggiori difficoltà socio assistenziali – ha detto De Pasquale – è stata l’unica professionista in Puglia ad aver ricevuto il riconoscimento internazionale per l’anno 2020”.

Forte di una esperienza più che ventennale, la dottoressa Fiorentino svolge attività di supporto e coordinamento con gli altri servizi della ASL per la assistenza di tutti quei pazienti gravi, con problematiche complesse e urgenti, patologie oncologiche e diversamente abili, compresi i bisogni assistenziali legati alla l’emergenza Covid.

“Questo premio mi emoziona” ha dichiarato Irene Fiorentino ” ringrazio la direzione generale della ASL che mostra sensibilità e apertura per questi temi così delicati e anche tutti quei colleghi che con me, ogni giorno, dietro le quinte, si occupano di casi complessi. Senza questo lavoro di squadra– ha aggiunto – non sarebbe possibile aiutare chi è in difficoltà”.

Promo