Armi da guerra e droga custodite in un condominio a Ceglie del Campo da 3 baresi incensurati

Sono in attesa di giudizio nel carcere di Bari, 3 baresi incensurati arrestati dagli agenti della Questura di Bari per detenzione di armi e droga.

Al termine di una complessa indagine, i poliziotti hanno scoperto in un garage di uno degli arrestati un arsenale di armi da guerra ed esplosivi, oltre a 45 chilogrammi di droga, tra cocaina, hashish e marijuana.

C’erano 5 pistole semiautomatiche di vario calibro, di cui 3 con matricola abrasa,  5 pistole a tamburo, di cui 2 con matricola abrasa, 2 mitragliette Skorpion con matricola abrasa, una pistola mitragliatrice calibro 9 priva di matricola, oltre a 700 munizioni di vario calibro, un fucile a canne mozze calibro 12, 10 candelotti esplosivi artigianali con serpentina innescata, 4 “cipolle” esplosive di fattura artigianale, diversi bilancini di precisione e denaro contante per un importo di circa 12.000 euro.

Nel corso delle indagini, gli investigatori avevano scoperto che era in arrivo un importante quantitativo di droga da vendere in città e in provincia. Il carico sarebbe stato trasportato da un insospettabile a bordo di un pulmino per il trasporto di persone di colore bianco. È stato individuato il mezzo, con a bordo una sola persona, mentre nella prima serata del 20 gennaio percorreva la Statale 16 bis, all’altezza degli svincoli per Giovinazzo e Bitonto, in direzione Bari. Il mezzo era preceduto da una berlina con due persone a bordo. Così, i poliziotti hanno seguito il mezzo fino ad un complesso residenziale a Ceglie del Campo. Quando sono entrati nel garage condominiale del complesso, gli agenti sono intervenuti. Due persone sono state subito bloccate. Il terzo si è dato alla fuga ma è stato fermato subito dopo.

A bordo del pulmino, in un doppio fondo, c’erano 21 pani di marijuana, qualità Amnesia, per un peso complessivo di circa 23 kg. Addosso ad uno dei fermati sono state trovate le chiavi di un box, ubicato nel seminterrato del complesso residenziale, dove sono stati rivenuti circa 6,5 kg di cocaina pura, oltre 300 pani di hashish per un peso complessivo di 15,5 Kg, bilancini di precisione e materiale di confezionamento e le armi.

Ora spetta agli inquirenti ricostruire il percorso della merce, il ruolo dei tre arrestati e capire se il materiale sequestrato appartenga ad uno dei clan baresi.

Promo