Arcidiocesi Bari-Bitonto, si insedia il nuovo vescovo Satriano: «Approccio questa realtà con grande rispetto»

Era ufficiale da mesi, oggi diventa effettivo: monsignor Giuseppe Satriano è il nuovo vescovo dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto. Sessantenne, originario di Brindisi, Satriano dal 2014 al 2020 è stato vescovo della diocesi calabrese di Rossano-Cariati. A Bari subentra a monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto dal 1999 al 2020, anno in cui è diventato vescovo emerito lasciando la guida della nostra diocesi per sopraggiunti limiti di età.

Satriano, che alle 17 in cattedrale celebrerà la sua funzione eucaristica d’insediamento nel ruolo di arcivescovo di Bari-Bitonto, stamattina ha incontrato la stampa per presentarsi alla comunità dei fedeli. «Il papa mi ha detto di continuare a fare quello che stavo facendo in Calabria, e di essere me stesso – racconta Satriano. Oggi più che mai, in una società che si ritiene globale, l’attenzione alla realtà che ci circonda è imprescindibile. Se volgiamo valorizzare il senso della nostra vita, come sottolinea papa Francesco, dobbiamo capire noi stessi a partire dall’altro; dobbiamo andargli incontro».

Il nuovo vescovo riparte da quanto lasciato dal suo predecessore, che fra 2018 e 2020 ha accolto per ben due volte a Bari il santo padre, Francesco. «Il merito è del pontefice, ma va dato merito soprattutto a monsignor Cacucci – afferma Satriano. Sento la gratitudine che diventa responsabilità nell’approcciare questa realtà ecclesiale con grande rispetto. Entro in punta di piedi; sono contento che in questa celebrazione del mio ingresso comprenda anche il saluto di monsignor Cacucci».

Il nuovo arcivescovo ricorda: «Spesso quando ci sono gli ingressi dei vescovi non ci sono i predecessori, ma noi possiamo e dobbiamo dare la testimonianza di un cammino comune, di una continuità nella discontinuità. Una testimonianza di fraternità e di fede che vivremo tutti insieme».

Promo