Covid, altri 32 decessi. Tamponi rapidi al palo, Giava comincia a funzionare

Ancora 32 decessi registrati per cause riconducibili a Covid, di cui la meta’, 16, in provincia di Bari. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 3.949 test con  401 casi positivi (130 in provincia di Bari) con una pecentuale del 10,75. Intanto i tamponi rapidi che dovrebbero essere effettuati dai medici di medicina generale presso i loro studi o un sito indicato dalla Asl, non sono ancora partiti. Si stanno ultimando gli ultimi accordi perche’ pare che alcuni sindacati dei medici abbiano chiesto la sottoscrizione di una polizza assicurativa in caso di contagio. Comunque quando andranno a regime i cosiddetti tamponi rapidi potranno essere effettuati solo su contatti stretti di positivi, asintomatici da almeno 10 giorni non conviventi. Piattaforma Giava, quella che consente ai medici di base di prenotare i tamponi molecolari direttamente bypassando il Dipartimento della Salute: dopo un avvio disastroso (denunciato da Bariseranews) le cose sembrano andare meglio anche se si lamenta ancora qualche disservizio.

Promo