Giava e i tamponi molecolari. E’ flop per questione di….Cap

Il sistema Giava, delizia ma soprattutto croce dei medici di base, che lo utilizzano per le prenotazioni dei test molecolari anticovid ai loro assistiti, continua a fare cilecca anche per una questione di…….cap. Si, avete letto bene, di codice di avviamento postale. Il perche’ e’ presto detto: in una delle schermate che il medico deve riempire vi e’ anche la richiesta del codice di avviamento postale dell’assistito che viene successivamente invitato da un risponditore automatico in base al cap al punto di prelievo piu’ vicino. Ma gli “ingegnosi” programmatori di Giava ignoravano che il cap di molti comuni della provincia di Bari e’ lo stesso. Per esempio Adelfia, Capurso, Casamassima, Cellamare, Locorotondo, Sammichele, Turi e Valenzano hanno tutti il 70010. Per cui accade che pazienti di Locorotondo possano essere mandati a Cellamre e viceversa. Insomma il Dipartimento che sperava di aver trovato la soluzione con Giava, in attesa di risolvere il problema, sta invitando alcuni medici di base ad utilizzare il vecchio sistema. Ma Giava non funziona anche perche’ accade che cinque componenti di uno stesso nucleo familiare vengono prenotati in giorni diversi in luoghi diversi. Inoltre la piattaforma pur prevedendo il prelievo del tampone a domicilio (per i pazienti che sono impossibilitati a muoversi) non e’ in grado di effettuarlo.

Promo