Bariseranews.it – Oltre la notizia

Appuntamenti con la musica. Il Teatro Petruzzelli e il Kismet ospitano due concerti in streaming.

234 Visite

Ancora una volta la musica torna a fare compagnia direttamente e comodamente a casa.  Due nuovi appuntamenti in programma per rilassarsi ascoltando due grandi orchestre sdraiati in poltrona o divano.

Martedì 2 febbraio alle 20.30 il maestro del Coro del Teatro, Fabrizio Cassi, dirigerà il Coro del Petruzzelli, accompagnato dalla pianista Lucia Conca.

In programma: O schöne nacht op. 92 n. 1, Der Falke op. 93 n. 5 e Fahr wohl! op. 93 n. 4 di Johannes Brahms, da Romanzen und Balladen, op. 67 Ungerwitter ed Heidenröslein di Robert Schumann, da Vier doppelchörige Gesänge, op. 141 Talismane di Robert Schumann,

Jauchzet dem Herrn, alle Welt e Verleih uns Frieden di Felix Mendelssohn-Bartholdy, da Drei geistliche Gesänge op. 69, Morgelinlied e Abendlied di Josef Gabriel Rheinberger, Cantique de Jean Racine, in Re bemolle maggiore, per coro misto e pianoforte, op. 11 di Gabriel Fauré.

Sempre a Bari questa volta ci spostiamo presso un altro teatro, anche questo contenitore chiuso al pubblico per l’emergenza sanitaria in corso

Mercoledì 3 febbraio, alle ore 20.00, sulla pagina facebook della Città Metropolitana di Bari al seguente link :https://www.facebook.com/cittametropolitanabari, dal palcoscenico del Teatro Kismet di Bari, sarà trasmesso in streaming un nuovo concerto dell’Orchestra sinfonica della Città metropolitana di Bari diretto dal maestro Gianluca Marcianò e con la partecipazione di Gabriele Pieranunzi, che eseguirà uno dei capisaldi della letteratura violinistica con orchestra: il celeberrimo Concerto n. 2 op. 7 in si minore di Niccolò Paganini, una pagina che deve la sua notorietà al suo movimento conclusivo, il «Rondò à la clochette» universalmente noto come «La campanella».

Il programma della serata verrà aperto dall’esecuzione della Sinfonia tratta dalla «Semiramide» di Gioacchino Rossini, opera lirica che ebbe il suo debutto al Teatro La Fenice di Venezia, proprio il 3 febbraio del 1823.

Promo