Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Grande guerra, il dovere della memoria: cittadinanza onoraria al Milite ignoto

123 Visite

La storia bussa alla porta di palazzo di Città. Così il Consiglio comunale approva all’unanimità la delibera del sindaco per il conferimento della cittadinanza onoraria al “Milite ignoto, cittadino d’Italia”, simbolo e patrimonio di tutti gli italiani, in occasione del centenario della traslazione del Milite ignoto nel sacello dell’altare della Patria. Una richiesta nata dal gruppo medaglie d’oro al valor militare che ha chiesto all’Anci di valutare questa opportunità, quale simbolo del sacrificio e del valore dei combattenti della Prima guerra mondiale.

Bari e la Puglia pagarono un elevato tributo in termini di vite umane. Il capoluogo, alla fine del conflitto, tra morti e dispersi, ne contò 1.065 L’albo, compilato dal capo sezione del Comune, Giacomo Pontrelli, annotò 49 8morti in combattimento o per ferite, 173 dispersi, 394 decessi per malattie e 42 morti per ferite provocate da bombardamenti aerei. Infatti Bari fu colpita dal cielo il 1 giugno, il 17 luglio e l’11 agosto 1915, il 27 luglio 1916, il 25 febbraio e l’11 aprile 1917. Tant’è che come “preda bellica” la città ricevette il famoso idrovolante austriaco Lohner, abbattuto a colpi di fucile durante un raid, consegnato e restaurato dall’Aeronautica militare. Il velivolo è conservato nel museo di Vigna di Valle ma con un macroscopico errore storico: è identificato come quello recuperato dalla città di Ancona.

  Da Bari alla Puglia. Dei 290mila corregionali chiamati alle armi, 28.195 caddero sui campi di battaglia e altri 1.324 morirono successivamente a causa delle ferite riportate. Un numero elevatissimo perché la mancanza di industrie sul nostro territorio non consentì esoneri. I giovani furono assegnati quasi esclusivamente alla Fanteria, l’Arma che registrò l’87 per cento dei caduti della Grande guerra. In pratica 103 pugliesi ogni mille uomini chiamati alle armi non fecero ritorno a casa. Ecco perché il riconoscimento del Consiglio ricorda a tutti il dovere della memoria.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo