Bariseranews.it – Oltre la notizia

In Puglia undici giorni per un tampone, ad un anno dallo scoppio della pandemia

161 Visite

Oltre i 10000 test al giorno il sistema sanitario pugliese non riesce a processare. Ed e’ questo il motivo per cui i medici di famiglia stanno impazzendo con la piattaforma Giava su cui devono prenotare i tamponi ai loro assistiti. Ci sono congiunti di positivi al 7 febbraio che dovranno aspettare il 18 febbraio per sottoporsi al test. Nel frattempo, a parte il loro stato d’animo, l’ansia per lo stato di salute, sono costretti a stare chiusi in casa con la beffa di risultaremagari successivamente negativi. Scandaloso! Ad un anno dall’esplosione del covid i pugliesi a rischio, perche’ contatti stretti di positivi, devono aspettare 11 giorni. E intanto il virus avanza perche’ non ci sono controlli a tappeto e non si isolano i positivi asintomatici che sono i soggetti piu’ pericolosi. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 10.141 test con  1.020 casi positivi (10% circa contro la media nazionale del 5) di cui 438 in provincia di Bari e sono stati registrati altri 33 decessi, la meta’ 17 in provincia di Bari.

Promo