Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Arrestati due scafisti extracomunitari a Carrassi. Erano sbarcati a Patù

133 Visite

Sono stati fermati durante un controllo nel quartiere Carrassi dalla Polizia, nella notte del 10 febbraio. I due tentenni, extracomunitari, agli agenti hanno subito dichiarato di essere di nazionalità iraniana e siriana ma, non avendo documenti addosso, sono stati condotti in Questura. Durante la perquisizione, sono stati trovati due telefoni cellulari e un costoso telefono satellitare. A quel punto, sono aumentati i sospetti da parte dei poliziotti. Attraverso un interprete, è stato scoperto che i due parlavano e comprendevano la lingua turca e non l’idioma dei Paesi da cui avevano dichiarato di provenire.

Gli investigatori hanno individuato sui cellulari mappe e rotte nautiche dalla Grecia alle coste meridionali italiane, immagini e video di viaggi migratori effettuati via mare con una barca a vela. In alcune delle foto, i due erano ritratti con il volto sorridente alla guida dell’imbarcazione.

I dati sono stati incrociati con il personale dell’Agenzia Frontex di stanza a Taranto, per capire se fossero coinvolti in un sbarco. Così si è scoperto che il 9 febbraio era avvenuto uno sbarco di 32 migranti a Marina di San Gregorio, nel territorio del Comune di Patù, nel Salento, su cui stava indagando la Squadra mobile di Lecce. La barca nelle foto è quella incagliatasi proprio sulle coste salentine. I due extracomunitari, Memmedzade S. e Murad K., entrambi 30enni, sono stati arrestati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e condotti nel carcere di Bari in attesa di giudizio.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo