Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Variante inglese Covid, in Puglia riguarda il 38,6% delle infezioni. Ancora 34 vittime

143 Visite

Piu’ di un terzo, esattamente il 38%, dei contagi Covid in Puglia, sono riconducibili alla variante inglese. Lo evidenzia una rilevazione della Professoressa Maria Chironna coordinatrice della rete regionale dei laboratori SARS Cov-2 U.O.C. Igiene – laboratorio di epidemiologia molecolare e sanità pubblica dell’ AOUC Policlinico di Bari e del dott Antonio Parisi, direttore sanitario vicario IZS della Puglia e Basilicata. L’indagine era stata richiesta, come sottolinea l’Assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco, dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità alle Regioni dotate dei sistemi diagnostici. Il 12 febbraio, quindi venerdi deella scorsa settimana,sono stati analizzati 634 campioni positivi e di questi 245 hanno mostrato la variante. La provincia dove e’ circolata maggiormente e’ Brindisi con il 55,8%, seguita da Taranto con il 45,8% e da Bari con il 38,4. Secondo l’Assessore Lopalco e’ necessario alzare il livello di attenzione e studiare altre azioni di contenimento. Intanto nelle ultime 24 ore sono state registrate altre 694 infezioni (237 in provincia di Bari), pari al 6,87% dei 10100 tamponi effettuati. Sensibile la riduzione in termini percentuali rispetto alle 24 ore precedenti, quasi la meta’. Si vedra’ nei prossimi giorni se si tratta di un rilevamento episodico o indice di una tendenza. Alto il numero dei decessi salito a 34 di cui 11 nel barese.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo