Governo Draghi, nominati viceministri e sottosegretari: tre i baresi (due alla Giustizia)

Cinque pugliesi, dei quali ben tre, baresi. Questi i numeri che riguardano la nostra Regione, per quanto concerne le nomine di viceministri e sottosegretari del governo Draghi. Sono trentanove, in tutto, le persone prescelte per far parte della squadra predisposta dal presidente del Consiglio, chiamate a coadiuvare l’opera dei ministri. Questi profili si vanno ad aggiungere al già nominato Roberto Garofoli, tarantino, sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio.

Teresa Bellanova, esponente di Italia Viva, nata a Ceglie Messapica, è stata nominata viceministro alle Infrastrutture. Le altre new entry nella compagine governativa, tutte con il ruolo di sottosegretari, sono la barlettana Assuntela Messina, del Pd, che si occuperà d’innovazione tecnologica e transizione digitale ed i tre baresi. Il leghista Rossano Sasso, all’Istruzione, ed i due avvocati originari del capoluogo pugliese Anna Macina, del Movimento 5 Stelle, e Francesco Paolo Sisto, di Forza Italia, entrambi alla Giustizia.

 A far scalpore proprio la scelta, unica nella storia repubblicana, di affidare tutti e due i sottosegretariati afferenti al ministero guidato da Marta Cartabia a rappresentanti politici provenienti dalla stessa città. In questa decisione può certamente aver influito la necessità di risolvere con celerità la più volte sollevata problematica dell’edilizia giudiziaria barese.

A rinforzare ulteriormente la Puglia nel governo c’è anche il foggiano d’adozione Ivan Scalfarotto (Iv), trasferitosi in Capitanata all’età di 3 anni dalla nativa Pescara, che ricoprirà il ruolo di sottosegretario al Ministero dell’Interno.

Promo