Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Poggiofranco, giardino dedicato a Monica Dal Maso per ricordare il suo impegno sociale

287 Visite

A Monica Dal Maso, attivista brese scomparsa recentemente e prematuramente sara’ intitolata l’area verde tra viale Kennedy e via Palach nel quartiere Poggiofoanco. C’e’ una delibera di indirizzo approvata dal Consiglio del secondo Municipio.

L’educatrice barese scomparsa un mese fa ha lasciato un ricordo indelebile. La Dal Maso era una mediatrice culturale, esperta in comunicazione interculturale ed economia solidale, da sempre impegnata in prima linea nella difesa dei diritti umani e protagonista di numerose esperienze solidali e di cittadinanza attiva.

L’educatrice ha dato voce ai senza voce impegnandosi su diversi fronti con un’ unica caratteristica: andare incontro ai più fragili e deboli, spesso mettendo a rischio la sua stessa incolumità vicino agli emigranti, alle prostitute, ai barboni, ai detenuti, agli extracomunitari e ai bambini in situazioni di disagio.

Lo spazio pubblico a lei intitolato permettrà di custodirne la memoria, fare  conoscere il suo impegno alle nuove generazioni e condividere emozioni e ricordi per chi l’ha conosciuta, lasciando una traccia indelebile.

In futuro l’assessorato al welfare pensa di poterle intitolare lo stesso Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) che per anni ha gestito con il Comune di Bari. Sarebbe questo un modo per ringraziare Monica e, con lei, chi lavora ogni giorno, spesso in silenzio, in maniera generosa e appassionata a tutela dei più fragili.

Così è stata ricordata da chi ha lavorato con lei: “ Monica è stata un’attivista per la difesa dei diritti umani e ha rappresentato per tutta la rete del welfare cittadino una forza umile e straordinaria, professionale e operosa, disponibile e tenace nel ricercare e trovare occasioni di inclusione per le persone più fragili”.

Ci si augura che dopo il giardino anche lo Sprar possa portare il suo nome così che il suo operato diventi esempio di impegno per tutti in prospettiva di un mondo migliore.

                                 Paola Copertino

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo