Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

La riflessione quotidiana di Monsignor Francesco Savino

93 Visite

CAFFÈ SPIRITUALE
VENERDÌ, 05 MARZO 2021
VENERDÌ DELLA II SETTIMANA DI QUARESIMA
====☕️====

            —–•••—–

 «In te, Signore, mi sono rifugiato, mai sarò deluso.
Scioglimi dal laccio che mi hanno teso,
perché sei tu la mia difesa.» (Sal 30,2.5)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

VANGELO
Costui è l’erede. Su, uccidiamolo!
✠ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 21,33-43.45).
In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo:
«Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo.
Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.
Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?».
Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».
E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
“La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi”?
Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti».
Udite queste parabole, i capi dei sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro. Cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla, perché lo considerava un profeta.

MEDITAZIONE
Santa Caterina da Siena (1347-1380)
terziaria domenicana, dottore della Chiesa, compatrona d’Europa
Lettera 45 al conte di Fondi, n. 192

La vigna della nostra anima

Carissimo Padre e Fratello in Cristo dolce Gesù, io, Caterina, la serva dei servi di Dio, scrivo a voi nel prezioso sangue suo, col desiderio di vedervi buon operaio nel giardino della vostra anima, affinché portiate molti frutti al tempo della raccolta, cioè al momento della morte, dove ogni colpa è punita e ogni virtù ricompensata.
Sapete che la verità ci ha creati a sua immagine e somiglianza; Dio ha fatto di noi un tempio, dove vuole abitare con la sua grazia, purché l’operaio della vigna voglia ben coltivarla poiché se essa non lo è, se è piena di rovi e di spine, non potrà abitarvi. Vediamo, carissimo Padre, quale operaio vi ha messo il Padrone. Ci ha messo il libero arbitrio, al quale è affidato ogni potere. Nessuno può aprire o chiudere la porta della volontà, se il libero arbitrio non vuole. La luce dell’intelligenza gli è data per conoscere gli amici e i nemici che vogliono entrare e passare dalla porta; e a quella porta è messo il cane della coscienza che abbaia quando sente qualcuno arrivare, se è sveglio e non dorme. Questa luce fa vedere e discernere il frutto dell’operaio; leva la terra perché il frutto sia puro, e lo mette nella memoria come in un granaio, dove si raccolgono i ricordi dei benefici di Dio. In mezzo alla vigna è messo il vaso del suo cuore pieno del prezioso Sangue, per innaffiare le piante affinché non secchino.
E’ così che è creata e disposta questa vigna, che è anche, l’abbiamo detto, il tempio dove Dio deve abitare con la sua grazia.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
Dio onnipotente e misericordioso,
donaci di essere intimamente purificati
dall’impegno penitenziale della Quaresima
per giungere alla Pasqua con spirito rinnovato. Per Cristo nostro Signore. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

         ******

«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito;
chiunque crede in lui ha la vita eterna.» (Cfr. Gv 3,16
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo