Bari citta’ centrale nella lotta al terrorismo internazionale

Era in carcere a Bari il 36enne tunisino Athmane Touami e sarebbe stato scarcerato a giugno prossimo se stamattina non gli fosse stato notificato in carcere lo stato di fermo per aver fornito supporto all’organizzazione terroristica Isis negli attentati del 2015 a Parigi al Teatro Bataclan e allo Stade De France. Sinora il tunisino era accusato soltanto di falsificazione di documenti, ma alcune intercettazioni telefoniche lo avrebbero smascherato in un ruolo piu’ “pesante” all’interno dell’organizzazione terroristica. I particolari sono stati illustrati questa mattina dal Procuatore Capo della Repubblica di Bari Roberto Rossi e dall’aggiunto Francesco Giannella. Secondo Rossi, “Bari sta diventando centrale sulla risposta giudiziale al terrorismo, perche’ non c’e’ dubbio che tutti quelli che provengono da zone di guerra e dalle aree governate dalle associazioni terroristiche, devono passare da
Bari anche per ragioni logistiche per giungere in altri Paesi europei”. La custodia cautelare e’ stata gia’ confermata dal Gip.

Promo