Bariseranews.it – Oltre la notizia

Una nuova vita per l’imbarcazione a vela, come le vittime di violenza.

183 Visite

Un’altra vita è possibile… e lo hanno dimostrato le quattro donne fuoriuscite dal circuito della violenza che nella giornata di domenica 7 marzo insieme ad un’operatrice del Centro antiviolenza e una bibliotecaria, sono state protagoniste della veleggiata a bordo dell’imbarcazione Bari Social Boat, confiscata alla malavita. L’iniziativa era organizzata dal Centro antiviolenza dell’assessorato al Welfare, gestito dalla cooperativa sociale Comunità San Francesco, in collaborazione con la rete di Bari Social Book. L’imbarcazione ha preso il largo dalla darsena Mar di Levante del porto di Bari.

 “Letture di libertà ed emancipazione”, questo il nome dell’ iniziativa durante la quale sono stati letti stralci di brani sulla libertà, l’emancipazione femminile.

I testi fanno parte del fondo della Biblioteca interculturale di genere, inaugurata pochi giorni fa nell’ambito del progetto Bari Social Book, e sono stati selezionati per l’occasione dalle volontarie del progetto.

L’imbarcazione confiscata alla malavita ha quindi una nuova vita come le donne liberate dal giogo della violenza

Oggi 8 marzo le iniziative continuano con il percorso con la rete delle biblioteche di genere con un reading in ogni angolo della città e attraverso i racconti delle donne che hanno contribuito a costruire la nostra storia.

                                     Paola Copertino

Promo