Concerto sinfonico 13 marzo al Petruzzelli diretto dal maestro Nägele

L’emergenza sanitaria ancora in corso condiziona esibizioni e arrivo di artisti che non hanno sempre la possibilità di muoversi fuori dai confini nazionali e di conseguenza  tener fede agli impegni già programmati.

Sabato 13 marzo alle 19.00 è in cartellone un nuovo concerto in streaming della Stagione Concertistica 2021: Nicolas Nägele dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, solista Enrico Dindo (violoncello).

Il violoncellista István Várdai, che sarebbe dovuto arrivare a Bari dall’Austria, non potrà esibirsi al Petruzzelli, come precedentemente annunciato, a causa delle restrizioni sugli spostamenti determinate dall’emergenza sanitaria in atto.

Il programma resta invariato e proporrà: Concerto n. 2 in si minore, per violoncello e orchestra, op. 104 di Antonín Dvoràk e Sinfonia n. 6, in Fa maggiore, op. 68 “Pastorale”.

Qualche cenno biografico

Nikolas Maximilian Nägele – Direttore d’orchestra Nato nel 1987 in Germania), si è diplomato in direzione d’orchestra, pianoforte e clarinetto presso la Hochschule für Musik di Monaco e Lipsia.

Il direttore tedesco ha debuttato nel 2017 presso il Festival di Salisburgo  e nello stesso anno presso il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca.

 E’ stato impegnato anche come pianista e direttore d’orchestra presso l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino Opera di Firenze. E’ vincitore di prestigiosi premi e ha diretto produzioni importanti.

Al suo fianco in questo concerto Enrico Dindo, violoncellista e direttore d’orchestra italiano.

Nato in una famiglia di musicisti, a sei anni comincia a studiare il violoncello e si diploma presso il Conservatorio Giuseppe Verdi (Torino).

A 22 anni ricopre il ruolo di primo violoncello solista nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, ruolo che manterrà fino al 1998.

Dopo l’attività di perfezionamento inizia l’attività di solista grazie all’assegnazione del Primo Premio al Concorso Mstislav Rostropovich di Parigi, si esibisce in molti Paesi e con orchestre prestigiose.

 Tra i grandi direttori con cui ha lavorato si annoverano: Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Jarvj, Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Rostropovich.

Alcuni importanti autori hanno creato musiche a lui dedicate.

Nel 2004 alla Scala suona con la Filarmonica della Scala. Nel 2012 è stato nominato Accademico di Santa Cecilia.

È direttore musicale dell’ensemble cameristico “I Solisti di Pavia” , docente della cattedra di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano

Il violoncello usato da Dindo è un Pietro Giacomo Rogeri (ex Piatti) del 1717 della Fondazione Pro Canale.

PROGRAMMA

Antonín Dvořák

Concerto n. 2, in si minore, per violoncello e orchestra, op. 104

Ludwig van Beethoven

Sinfonia n. 6, in Fa maggiore, op. 68,

“Pastorale”

Paola Copertino

Promo