Bariseranews.it – Oltre la notizia

Collaboratrice didattica vaccinata AstraZeneca, ricoverata per trombi venosi cerebrali

370 Visite

Una coordinatrice didattica di 40 anni, vaccinata a Bari la scorsa settimana con AstraZeneca e’ stata ricoverata questa notte e sarebbe stata operata d’urgenza al Policlinico di Bari per la formazione di trombi venosi a livello cerebrale. La notizia, resa nota dal marito e’ ormai sulle chat del personale scolastico che gia’ prima della decisione dell’Aifa di sospendere la somministrazione di AstraZeneca, aveva deciso a larga maggioranza di non vaccinarsi o di non farsi inoculare la seconda dose. Psicosi? E’ possibile, ma molti si chiedono come mai tutte le persone decedute, vaccinate nei giorni precedenti, abbiano ricevuto dosi AstraZeneca e non di Moderna o Pfeizer. L’Assessore Pier Luigi Lopalco ha sottolineato come “queste sospensioni sono la dimostrazione che il sistema di vigilanza funziona e si attiva al minimo segnale di dubbio”.  Negli hub vaccinali delle province di Bari e Barletta-Andria-Trani (BAT) i carabinieri del Nas hanno
sequestrato fino ad ora circa 430 dosi del lotto ABV5811 del vaccino anti-Covid di AstraZeneca, su disposizione della Procura di Biella, nell’ambito dell’indagine sulla morte di un insegnante avvenuta dopo la somministrazione del siero.
Intanto il bollettino quotidiano registra purtroppo altri 34 decessi di cui 7 in provincia di bari. Sempre alta la percentuale di tamponi positivi sui test effettuati del 15,19% piu’ che doppia rispetto alla media nazionale. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 4707 test con 715 nuovi positivi di cui la meta’, 357, in provincia di Bari.

Promo