Bariseranews.it – Oltre la notizia

Torre a Mare, iniziata la sostituzione delle ringhiere ammalorate sul lungomare

640 Visite

Un nuovo cantiere sul lungomare di Torre a Mare. Nella mattinata di oggi, alla presenza dell’assessore comunale ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, e del presidente del Municipio I, Lorenzo Leonetti, è stato avviato l’intervento di sostituzione di 188 metri di ringhiere fortemente usurate dalla salsedine e dagli agenti atmosferici. La zona interessata è a nord del porto, più precisamente in largo Francesco Biancofiore (primi 100 metri) e nel tratto compreso tra la sede estiva del Circolo Unione e la “Baita” (restanti 88 metri). Si tratta di un’opera particolarmente attesa non solo sul piano estetico: per rischio di cedimento delle ringhiere, il Comune aveva infatti installato delle recinzioni di sicurezza che impedivano da tempo l’affaccio sul mare.

Le nuove balaustre, di aspetto identico a quelle da rimuovere, avranno montanti in acciaio e snodi in ghisa con lo stemma comunale di Bari a rilievo, mentre la verniciatura garantirà una certa resistenza alla salsedine grazie all’impiego di prodotti speciali. I lavori, inseriti in un accordo quadro per la manutenzione di strade e marciapiedi nel Municipio I, dureranno all’incirca tre settimane perché prevedono anche la pulizia approfondita degli elementi in pietra (colonnine e basole), macchiati dalla ruggine, e un fissaggio particolarmente complesso dei nuovi elementi metallici.
In parallelo, la ditta che cura la manutenzione degli impianti elettrici cittadini provvederà al recupero estetico di 10 lampioni presenti in largo Biancofiore, con la rimozione degli strati di ruggine e la successiva riverniciatura.
L’importo complessivo dei due interventi ammonta a circa 80mila euro. «L’obiettivo – commenta l’assessore Galasso – è quello di ripulire e riqualificare questo tratto del belvedere di Torre a Mare in modo da consentire, quando sarà possibile, di fruire al meglio di questo angolo suggestivo della città».

Proseguono nel frattempo le attività del cantiere avviato a gennaio scorso, a sud del porto, per il restyling sperimentale di 150 metri di lungomare. Alcuni cittadini lamentavano un apparente blocco dei lavori e ipotizzavano errori di calcolo in fase di progettazione. Apprendiamo tuttavia da Francesco Ventrella, consigliere del Municipio I, che al momento ci si sta concentrando sulla realizzazione di una vasca per la raccolta delle acque meteoriche contaminate, evitando così il deflusso delle stesse in mare. Una volta ultimata quest’opera propedeutica, i lavori su via Trulli potranno riprendere regolarmente.

Promo