Bariseranews.it – Oltre la notizia

Covid, la testimonianza di Giovanni: “Io, vaccinato con un lotto finito al centro delle inchieste”

162 Visite

Proprio oggi, nella giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia in corso, l’Ema si esprimera’ sul vaccino AstraZeneca in un senso o nell’altro ridando fiato alla campagna vaccinale nazionale.

La possibilità di immunizzare la popolazione contro il Coronavirus è stata lungamente attesa, diventando oggetto di discussione a livello planetario, tra polemiche dei no-vax e scorte sempre insufficienti, ormai vicine all’esaurimento.

C’è però chi quell’inoculazione, con il farmaco di matrice britannica, l’ha già fatta, ed ora non sa se e quando potrà usufruire del richiamo previsto. Ne abbiamo parlato con Giovanni, 34 anni, barese, appartenente alle nostre forze armate.

L’uomo si è sottoposto alla prima iniezione a fine febbraio: “Quando leggo il mio certificato vaccinale rabbrividisco. Il mio lotto è tra quelli protagonisti delle inchieste aperte in tutta Italia. Personalmente, non ho avuto conseguenze di rilievo, se non un’incredibile spossatezza e dolori muscolari diffusi. Niente febbre, però.”

Ed ora l’incertezza riguarda i tempi necessari per la somministrazione della seconda dose: “Per quanto mi riguarda, era in previsione per maggio. Chi di dovere sta svolgendo tutti i necessari accertamenti su quanto accaduto. In una situazione come questa, bisogna continuare a fidarsi della scienza. Non abbiamo altra strada se vogliamo riprendere a vivere come prima.”

Promo