Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Lucia Torsi, docente di chimica a Bari vince la Wilhelm Exner medal 2021

256 Visite

Luisa Torsi, professoressa ordinaria di chimica dell’Università “Aldo Moro” di Bari, è una delle due vincitrici della medaglia “Wilhelm Exner 2021”, insieme alla biochimica ungherese Katalin Karikó.

L’assegnazione del premio le è valsa per le ricerche pubblicate nel 2018 sulla possibilità di rivelare una singola proteina con un dispositivo bio-elettronico, così da poter diagnosticare patologie progressive appena l’organismo produce i primi bio-marcatori specifici, quindi ancor prima che si manifestino i sintomi.

Infatti la ricercatrice, insieme al suo team, aveva dimostrato che alcuni sistemi bio-elettronici a transistor, di dimensioni millimetriche, fossero in grado di rivelare una singola proteina – o un singolo virus – in un campione reale non pretrattato di sangue o saliva. L’interfaccia del dispositivo risponde in 15 minuti e ha dimensioni in ordine di grandezza maggiori della singola proteina da rivelare, ed è quindi fabbricabile su vasta scala a basso costo.

La tecnologia battezzata SiMoT, Single-Molecule with a large Transistor, era stata anche pubblicata e recensita dalla rivista scientifica “Nature”.

Le ricerche di Luisa Torsi promettono nuove tecnologie per l’assistenza sanitaria e il benessere umano: la prospettiva è lo sviluppo di sistemi diagnostici ultrasensibili, veloci, a basso costo e ad alta affidabilità per lo screening ultra-precoce di patologie progressive quali i tumori o le infezioni incluso il Covid-19.

La professoressa Katalin Karikò, invece, esperta di meccanismi biochimici mediati dall’Rna e vicepresidente senior di BioNTech Rna Pharmaceuticals, sarà premiata per essere riuscita, insieme ai suoi colleghi, a confezionare le molecole sensibili di mRna in molecole lipidiche. Il suo lavoro è la base per i vaccini contro il Covid-19 e per i farmaci contro il cancro. Per le sue ricerche la Karikò è candidata al Nobel.

Le medaglie verranno assegnate a Vienna il 24 novembre 2021, nell’anno dell’anniversario, alla presenza del Ministro della scienza e della ricerca Heinz Fassmann e del Presidente austriaco Alexander Van der Bellen. 

Il premio è conferito dal 1921 dall’Associazione austriaca delle Pmi per celebrare l’eccellenza nella ricerca e nella scienza.

Nel 2015 la professoressa Torsi aveva ideato una macchina che sente gli odori, proprio come se fosse un naso umano. Lo studio era stato realizzato in collaborazione con Krishna Persaud dell’Università di Manchester. La ricercatrice, infatti, insieme al suo team aveva escogitato un modo per creare sensori che consentirebbero di realizzare macchine che annusano come i nasi umani.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo