Bariseranews.it – Oltre la notizia

Al via il concorso di idee per la maxi statua di San Nicola

792 Visite

Nonostante la nascita di un comitato avverso alla realizzazione del colosso e il drammatico peggioramento dell’emergenza sanitaria, l’associazione “Una statua per San Nicola” non demorde dal suo obiettivo. E’ stato presentato e lanciato nelle scorse ore il concorso internazionale per definire l’aspetto ideativo e artistico del gigantesco monumento, dedicato al santo di Myra, che nelle intenzioni dei promotori dovrebbe sorgere all’interno del porto presso il varco della Vittoria. La procedura resterebbe valida, tuttavia, anche nel caso in cui l’opera venisse realizzata altrove.

Rispetto al progetto preliminare mostrato a dicembre scorso, il bando lascia la massima libertà creativa ai partecipanti. Unici requisiti fondamentali rimangono l’altezza complessiva della statua, fissata a 70 metri incluso l’eventuale basamento, e la presenza al suo interno di un vero e proprio centro polifunzionale. Gli ambienti previsti includono un museo nicolaiano, un teatro esperienziale, un centro studi nicolaiani, una ludoteca (considerato che San Nicola è noto come protettore dei bambini), una serie di servizi tra cui biglietteria, bookshop, ristorazione, sala offerte per la manutenzione della statua e per le opere di bene e quant’altro si ritenga necessario. Fondamentale è la presenza di un ascensore e di accorgimenti per i diversamente abili, atti a garantire la massima accessibilità del monumento.

Il concorso è rivolto ad artisti italiani e stranieri, che potranno partecipare sia individualmente che in gruppo, e si articola in due momenti distinti.
In questa prima fase i candidati dovranno produrre documenti e tavole bidimensionali, da trasmettere all’associazione via Pec o plico raccomandato. Il termine ultimo per la presentazione delle proposte è fissato al 27 settembre 2021. La commissione giudicatrice selezionerà dunque un numero massimo di tre partecipanti e li ammetterà allo step successivo. Le proposte saranno valutate attribuendo un punteggio basato sui seguenti criteri: realizzabilità, qualità, valorizzazione ambientale e originalità.
Nella seconda fase del concorso sarà richiesto di produrre, entro 90 giorni dalla notifica di ammissione, ulteriori documenti ed elaborati comprensivi di un bozzetto tridimensionale. Ricevuto il materiale, la commissione provvederà ad acquisire il parere popolare tramite un sondaggio e decreterà infine l’artista (o il gruppo) vincitore.

Nel rispetto dello spirito nicolaiano, né la commissione né i partecipanti al concorso percepiranno alcun compenso o premio. Se gli autori non faranno richiesta di restituzione, tutti gli elaborati pervenuti resteranno di proprietà dell’associazione, che promette di conservarli con la massima cura e si riserva il diritto di presentarli al pubblico, anche organizzando una mostra.
La proposta vincitrice, dovendo essere sottoposta al parere delle autorità competenti (Comune, Città Metropolitana, Regione, Soprintendenza, Demanio, ecc.) per la sua eventuale realizzazione, sarà naturalmente suscettibile di modifiche entro determinati limiti. Questo anche per coniugare le esigenze artistiche con le esigenze tecnico-strutturali nei livelli più avanzati di progettazione.

Il bando in versione integrale è disponibile assieme agli allegati sulla pagina Facebook dell’associazione. Prossimamente saranno pubblicate anche versioni in lingua straniera e ulteriori indicazioni.

La finalità dell’iniziativa, come dichiara l’associazione, è quella di «esaltare la figura del Santo quale mediatore tra popoli e culture, rappresentare un elemento di grande richiamo nazionale e internazionale nel quale possano riconoscersi i valori di pace, accoglienza e solidarietà che il taumaturgo di Licia incarna nel mondo, nonché un landmark e/o brand identitario e culturale barese, pugliese e mediterraneo, in funzione di attrattore turistico-economico e di volano occupazionale».

Promo