Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

La riflessione quotidiana di Monsignor Francesco Savino

102 Visite

CAFFÈ SPIRITUALE
LUNEDÌ, 22 MARZO 2021
LUNEDÌ DELLA V SETTIMANA DI QUARESIMA
====☕️====
—–•••—–

«Pietà di me, o Dio, perché un uomo mi perseguita,
un aggressore tutto il giorno mi opprime.» (Sal 55,2)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

VANGELO
Io sono la luce del mondo.
✠ Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 8,1-11).
In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.
Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».

MEDITAZIONE
Sant’Agostino (354-430)
vescovo d’Ippona (Africa del Nord) e dottore della Chiesa
Discorso 13, §§ 2,4,5,6

“Neanch’io ti condanno”

Dice un salmo: “Istruitevi, giudici della terra” (Sal 2,10). Coloro che giudicano la terra sono i re, i governanti, i principi, i giudici propriamente detti. (…) Si istruiscano, poiché si tratta della terra che giudica la terra, ma ella deve temere colui che sta in cielo. Essi giudicano i loro simili: un uomo giudica un altro uomo, un mortale un altro mortale, un peccatore, un altro peccatore. Se nostro Signore faceva risuonare fra i giudici questa sentenza divina: “Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei”, tutti quelli che giudicano la terra non saranno forse stati presi da timore?
Ai farisei che per tentarlo gli avevano condotto una donna sorpresa in adulterio (…) Gesù ha detto: “Voi volete lapidare questa donna come la Legge prescrive. Bene, chi di voi è senza peccato le scagli la prima pietra”. Mentre quelli discutono, lui scriveva a terra, per “istruire la terra”; ma quando ha dato loro quella risposta, ha levato gli occhi al cielo, “Egli guarda la terra e la fa sussultare” (Sal 104,32). I farisei, confusi e tremanti, se ne vanno uno dopo l’altro. (…)
La peccatrice resta sola col Salvatore; il malato col medico, la grande miseria con la grande misericordia. Guardandola, Gesù le dice: “Nessuno ti ha condannata? – Nessuno, Signore” (…) Ma lei resta davanti a un giudice che è senza peccato. “Nessuno ti ha condannata? – Nessuno, Signore, e se tu stesso non mi condanni, sono al sicuro”. In silenzio, il Signore risponde a questa inquietudine: “Neanch’io ti condanno. (…) La voce della coscienza ha impedito ai tuoi accusatori di punirti; la misericordia mi fa venire in tuo aiuto”. Meditate queste verità e “istruitevi, giudici della terra”.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
O Padre, che con il dono del tuo amore
ci riempi di ogni benedizione,
trasformaci in creature nuove,
per esser preparati alla Pasqua gloriosa del tuo regno. Per Cristo nostro Signore. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

         ******

«Io non godo della morte del malvagio, dice il Signore,
ma che si converta dalla sua malvagità e viva.» (Ez 33,11)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.

  • don Francesco
banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo