Bariseranews.it – Oltre la notizia

logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene
Panorama di Bari

Il quartiere Madonnella spinge in alto il mercato immobiliare barese

826 Visite

Il mercato immobiliare di Bari si è chiuso, nel secondo semestre del 2020, con una performance straordinaria che l’ha portata al primo posto tra le città italiane. Tra luglio e settembre dell’anno caldo della pandemia, il valore degli immobili nel capoluogo pugliese è cresciuto dell’1,5%. In totale, nel corso di tutto il 2020, la crescita si attesta invece all’1,4%.

Un risultato che appare ancor più incoraggiante se si guardano i dati relativi agli ultimi 10 anni, confrontati con le altre metropoli italiane. Bari ha perso, dal 2010 al 2020, il 39,8% sul valore dei suoi immobili, contro il 30% su cui si sono attestate le altre città. A essere interessate maggiormente da questa perdita sono state le aree di San Pasquale-Carrassi e quella di lungomare Perotti-Polivalente; meno colpite invece le zone centrali e Poggiofranco-Policlinico.

A spiccare ancor di più nell’ottima performance barese dello scorso anno, c’è il quartiere Madonnella. Qui si registra un aumento dei prezzi di vendita, generato dall’incremento della domanda a cui non corrisponde una sufficiente offerta. Nel rione ai margini di Japigia e San Pasquale, a due passi dal centro, hanno deciso di investire imprenditori intenzionati a rimettere a nuovo vecchie costruzioni per convertirle in bed and breakfast da destinare ora ai lavoratori fuori sede e più in là, quando si riprenderà a viaggiare, ai turisti.

Madonnella, in generale, sta vivendo un periodo di riqualificazione importante grazie alla costruzione di nuove piste ciclabili e di nuovi immobili che faranno da contraltare alle tipiche costruzioni signorili di inizio ‘900 presenti nella zona. Queste, in particolare, sono acquistabili per cifre che vanno da 1500 euro a 2300 euro al mq se si affacciano sul mare.

Allargando lo sguardo su tutta la città e spostandosi ai primi mesi del 2021, i tipi di costruzione che hanno aumentato maggiormente il proprio valore a Bari sono le mansarde, con quote in rialzo di circa il 7%. I loft, invece, sono quelli che hanno subito il deprezzamento maggiore. Circa il 25%.

Comprare casa a Bari, infine, conviene. In tutta la città, a seconda che si voglia rimanere in centro o ci si voglia spostare nelle zone più periferiche, i prezzi di vendita vanno da 850 euro ai 2900 euro al mq, con una media di 1900 euro al mq. Questo porta il capoluogo pugliese ad avere prezzi del 49% più competitivi rispetto alle città di media grandezza che si classificano in Italia ai primi posti con i prezzi più alti sulla compravendita di immobili privati.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo