Slider
Slider
Slider

Ferrovie Appulo Lucane: nell’anno della crisi bonus ai “quadri” aziendali denunciati dall’Usb

277 Visite

Velenosa polemica del sindacato Usb (Unione sindacale di base) con i vertici delle Ferrovie Appulo Lucane che ha istituito un “Premio di risultato annuale Quadri” del valore di minimo 5000,00 euro lordi, destinato appunto ai quadri aziendali.

“Nelle FAL, il 06 Aprile 2020 fu siglato un accordo sindacale con il quale si imponeva ai Lavoratori la fruizione di un determinato numero di giornate di ferie al fine di evitare l’accesso al Fondo di solidarietà di categoria” scrive il sindacato. “In quello stesso periodo storico, il DG delle FAL Matteo Colamussi, nella sua veste di presidente Asstra Puglia e Basilicata, seguendo la linea politica del “angere misera” dai vertici ai quali fa capo, non perdeva occasione di comparire su diverse testate giornalistiche per evidenziare l’ondata di crisi che stava travolgendo il settore”.

Nel mese di luglio 2020, le FAL decidono di istituire un “Premio di risultato annuale Quadri” «Con verbale di accordo aziendale del 30/07/2020 è stato istituito un “Premio di risultato annuale Quadri”, del valore minimo di EURO 5.000,00 lordi, a fronte del raggiungimento di obiettivi annui predeterminati dal CdA, su proposta della Direzione Generale e sentiti i Dirigenti di settore”.

“Non conosciamo nello specifico questo accordo” – ne abbiamo richiesto una copia scrive la Usb – e non vediamo l’ora di capire in cosa consistano i tanto ambiti “obiettivi” da raggiungere, e le relative somme di denaro che verrano elargite.

“Quello che riteniamo doveroso evidenziare è che negli anni seguenti alla riorganizzazione dei vertici aziendali, sulle linee ferroviarie Bari-Matera-Gravina siamo stati, e siamo tutt’ora testimoni di un aumento significativo dei tempi di percorrenza sulla tratta ferroviaria Bari – Matera (ad oggi di circa 2 ore, nonostante in un comunicato stampa del 15 novembre 2018 i vertici dicevano di voler abbattere i tempi di percorrenza ad 1 ora entro il 2019), di un convoglio ferroviario Stadler (ST4) fermo “in manutenzione” da più di un anno nell’officina di Bari Scalo, di lavori per il raddoppio ferroviario ancora “in corso”, di violazioni per eccessivo ricorso al lavoro straordinario, di divise per i dipendenti non ancora consegnate nonostante la fornitura era prevista per Gennaio 2020″.

Polemico il finale della denuncia: “Ed oggi tra atteggiamenti alla Marchese del Grillo e posizioni occupate dagli Useful Idiots, abbiamo avuto la dimostrazione che la crisi la pagano sempre i lavoratori”.

Insomma, si chiede il sindacato, in un periodo di forzata crisi quali risultati possono aver raggiunto i quadri aziendali?

Slider

Promo