Slider
Slider
Slider

Petruzzelli, concerto del duo Capuçon e Ducros

184 Visite

Un appuntamento di assoluto prestigio per i grandi concerti del 2021 è in programma martedi 20 aprile alle 20,30 ovviamente in streaming a cura della Fondazione Petruzzelli. Due artisti d’eccezione come Gautier Capuçon, star internazionale del violoncello e il pianista e compositore francese Jérôme Ducros, eseguono un ricco programma dallo stile piacevolmente vario. Una ricerca musicale che arricchisce il repertorio e le già vaste capacità espressive di questo duo stellare. Parte di questa ricerca si può ascoltare nel loro ultimo lavoro discografico Emotions, edito per Erato/Warner Classics  https://w.lnk.to/egc

Conosciamo meglio i due interpreti

Gautier Capuçon (Chambéry, 3 settembre 1981) è un violoncellista francese. È fratello del violinista Renaud Capuçon.

Dopo aver vinto i primi premi di violoncello e pianoforte nella città natale di Chambéry, Gautier Capuçon si è perfezionato al conservatorio di Parigi con Annie Cochet-Zakine e Philippe Muller.

Musicista alquanto precoce, ha vinto nel 1998 il primo premio dell’Académie internationale de musique Maurice Ravel di Saint-Jean-de-Luz e, gli anni seguenti, diversi riconoscimenti di livello internazionale.

Interprete di musica da camera o solista d’orchestra, Gautier Capuçon si esibisce insieme ad alcuni degli interpreti più prestigiosi dei nostri tempi. Interpreta con eguale maestria il repertorio classico e quello moderno: Beethoven, Brahms, Shostakovitch, Haydn, Ravel, Saint-Saëns, Schubert… Le sue registrazioni sono edite da Virgin Classics ed EMI Classics.

Nel settembre 2007 ha sposato la violoncellista Delphine Borsarello, seconda dei sei figli del violinista Jean-Luc Borsarello. Dall’unione è nata una figlia di nome Fée.

Jérôme Ducros (Avignone, 30 novembre 1974), pianista e compositore francese.

Nato ad Avignone, dopo aver studiato al conservatorio di Orléans con Françoise Thinat, nel 1990 è entrato al conservatorio di Parigi – nella classe di Gérard Frémy e Cyril Huvé – dove si è diplomato con un “primo premio con lode” in pianoforte. Nel 1994 ha vinto il secondo premio al concorso Umberto Micheli di Milano. Ha intrapreso una carriera concertistica che lo ha portato a esibirsi in contesti quali il Théâtre des Champs-Élysées, il Théâtre du Châtelet e la Salle Pleyel a Parigi, il Concertgebouw di Amsterdam, la Wigmore Hall di Londra, la Carnegie Hall di New York e la Philharmonie di Berlino.

Tra i suoi partner per la musica da camera – genere cui dedica grandi attenzioni – si annoverano gli strumentisti Renaud e Gautier Capuçon, Paul Meyer, Michel Portal, Nicholas Angelich, Frank Braley, Gérard Caussé e il Quartetto Ébène, ma anche cantanti come Dawn Upshaw, Ian Bostridge, Diana Damrau, Angelika Kirchschlager e Philippe Jaroussky.

Sin da giovane è anche attivo come compositore, attivamente coinvolto nei dibattiti sulle nuove musiche.

Appuntamento quindi martedì 20 aprile 2021 – 20:30

Questo il programma di sala:

Johannes Brahms

Sonata n. 1, in mi minore, per violoncello e pianoforte, op. 38

Antonín Dvořák

Canto alla luna, dall’opera “Rusalka”

arrangiamento per violoncello e pianoforte

Felix Mendelssohn-Bartholdy

Auf Flügeln des Gesanges (Sulle ali del canto),

lied in La bemolle maggiore, per voce e pianoforte, op. 34 n. 2

arrangiamento per violoncello e pianoforte

Scott Joplin

The entertainer, ragtime per pianoforte, (1902)

arrangiamento per violoncello e pianoforte

Dmitrij Šostakovič

Sonata in re minore, per violoncello e pianoforte, op. 40

Pëtr Il’ič Čajkovskij

Valse sentimentale, in fa minore, per pianoforte, op. 51 n. 6

arrangiamento per violoncello e pianoforte

Vittorio Monti

Czárdás, per violino e pianoforte

arrangiamento per violoncello e pianoforte

Un concerto tutto da ascoltare per rilassarsi, nella speranza di poter condividere dal vivo presto certe emozioni.

                        ph Federico Favia

Slider

Promo

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com