Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Il generale Figliuolo promuove la Puglia. Che diventerà arancione

134 Visite

Ufficialmente, tutti promossi. La Sanità pugliese, il governatore Emiliano, l’assessore Lopalco, il piano vaccinale. Il commissario per l’emergenza Covid, generale Francesco Paolo Figliuolo, accompagnato dal capo della Protezione civile, Fabrizio Curci, è soddisfatto per quanto ha visto nella visita lampo a Bari. Forse un po’ meno soddisfatti, per come vanno le cose, sono i pugliesi. Ma questo il generale potrebbe anche non saperlo. Il suo commento: “Ho visto un percorso ideale: la produzione in house dei dispositivi di protezione che rimane una capacità strategica che va a integrare quello che si può trovare sul mercato; l’ospedale della Fiera del Levante che mi ha decisamente impressionato ed emozionato; l’hub vaccinale nella Fiera”.


Con riferimento all’ospedale Covid in Fiera, Figliuolo ha ricordato che “parliamo di 150 posti letto che possono essere scalabili dalla terapia ad alta intensità al sub-intensivo ad una terapia normale Covid. E questo è un bene pubblico altamente specializzato perché gestito dal Policlinico di Bari, che è una eccellenza nazionale, dove operano circa 500 persone, 300 infermieri, un centinaio di medici altamente specializzati e personale tecnico. Il valore aggiunto di questa struttura è che un domani, speriamo un domani prossimo a pandemia finita, può essere reimpiegato come polo di riferimento in questa area del Mezzogiorno in caso di emergenze”.
    Per quanto riguarda l’hub vaccinale, il commissario ha detto che “raramente ho visto un centro vaccinale così ben organizzato. E questo è un orgoglio perché noi del Mezzogiorno siamo sempre abituati ad autocommiserarci”.

Il piano vaccinale regionale è stato definito “coerente con quello nazionale, con obiettivi ben chiari. Oggi la Puglia ha raggiunto oltre l’81% degli over 80 ed è in pieno target per gli over 60”. E l’alto ufficiale ha promesso l’arrivo di altri vaccini perché in Italia, fino a maggio, arriveranno 15 milioni di dosi.
Il presidente Emiliano ha donato a Figliuolo e Curcio due bottigliette contenenti la Santa Manna di San Nicola, “quale simbolo di unità di intenti, collaborazione e reciproco sostegno nella lotta al coronavirus”. In precedenza si erano sono svolti due incontri, il primo in Consiglio regionale, il secondo in videoconferenza con tutti i prefetti pugliesi per fare il punto sulla campagna vaccinale anti Covid.  Emiliano ha poi ringraziato per i complimenti rivolti dal commissario Figliuolo all’ospedale Covid in Fiera a Bari: “Mi fa piacere che gli investimenti fatti in Fiera siano stati apprezzati tanto da considerarlo in futuro un centro di riferimento”, ha affermato il governatore.

Intanto il bollettino Covid registra 1.692 contagiati, 64 morti e un indice di positività del 12,7 per cento. Ma nonostante tutto questo la Puglia – stando alle ultime indiscrezioni – potrebbe tornare arancione, dopo cinque settimane di rosso. Aprirebbero quindi solo parrucchieri, barbieri, centri estetici e negozi. 

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo