Bariseranews.it – Oltre la notizia

Amati ad Emiliano: non possono essere studenti e famiglie ad optare fra scuola in presenza o a distanza

207 Visite

Non è solo Italia Viva, partito di governo, a contestare l’ennesima ordinanza del presidente della Regione Puglia che offre agli studenti e alle famiglie pugliesi la possibilità di optare per la Did (didattica integrata a distanza) invece della presenza obbligatoria a scuola Italia Viva, il partito di Renzi, ha chiesto oggi ufficialmente al presidente del Consiglio Draghi di intervenire impugnando l’ordinanza. Ma, dicevamo, non è solo Italia Viva a contestare il provvedimento.

Oggi si è aggiunto Fabiano Amati, esponente della maggioranza regionale per giunta dello stesso partito, il Pd, del governatore, nonché presidente della commissione Bilancio e programmazione secondo il quale ” non può spettare alla Regione, né tantomeno alle famiglie la decisione sulla riapertura delle scuole. Essa riguarda le competenze statali e lo Stato ha deciso per la riapertura sin da oggi. Continuare con decisioni dal contenuto equivoco, non fondate su particolari condizioni epidemiologiche e con quasi tutte le attività aperte, mi pare un atto di discriminazione nei confronti dei ragazzi pugliesi”. Amati continua:” “Sono amareggiato nel cogliere l’idea di una pubblica amministrazione che si attesta alla massima deresponsabilizzazione, approfittando del consenso suscitato dalle paure dei genitori e degli insegnanti, e dallo spirito dei ragazzi, diretto a evitare differenze di trattamento tra la più impegnativa didattica in presenza e la meno impegnativa didattica a distanza. Mi spiace dirlo, ma il dibattito pubblico e la decisione politica non possono svolgersi in questo modo, estraniandosi dai dati epidemiologici, dal dovere dello Stato di formare e dal diritto dei ragazzi di essere formati”. “A questo punto – conclude – spero che i parlamentari pugliesi chiedano al presidente del Consiglio di occuparsi della questione e di assumere ogni iniziativa utile a garantire l’uguaglianza tra i ragazzi pugliesi e i loro coetanei italiani”

Promo