Bariseranews.it – Oltre la notizia

Joseph Beuys

Via Dante diventa un museo: da domani in mostra due opere dell’artista Joseph Beuys

168 Visite

Via Dante da domani si trasformerà in un museo. Nelle vetrine della sede di BNL BNP Paribas della centralissima via saranno ospitate fino al 2 giugno due opere dell’artista tedesco Joseph Beuys. Si tratta di Discussione con Beuys. Free international university del 1978 e Notice to Guests del 1974. Sarà un’occasione per celebrare il centenario dalla nascita e un’opportunità da non perdere visto l’elevato valore artistico delle opere.

L’esposizione si colloca in un progetto più ampio, quello dell’inaugurazione il prossimo 26 maggio di una mostra tutta dedicata all’artista che verrà celebrato anche con un documentario in onda su Sky Arte.

Beuys ha avuto sempre un rapporto privilegiato con l’Italia e con la Puglia, dove tra l’altro aveva trascorso la sua prigionia durante la seconda guerra mondiale. Proprio nel periodo in cui realizzò le due opere che saranno ospitate in via Dante, l’artista aveva visitato Bari, da cui era rimasto rapito per la calorosa accoglienza ricevuta e per i sapori mediterranei che vi aveva ritrovato. La città lo colpì a tal punto che vi tornò più volte in seguito anche insieme alla sua famiglia.

Ed è per questo che ora Bari lo omaggia rendendo disponibili al pubblico a passeggio per le vie del centro due delle sue opere più significative.

A proporre l’iniziativa è stata la consigliera Micaela Paparella, delegata alle politiche di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e architettonico, che lo ha realizzato in collaborazione con la delegazione FAI di Bari, con BNL Direzione Regionale Puglia, Abruzzo e Molise e con il progetto Kunsthalle.

Entusiasta il commento dell’assessore alla Cultura Ines Pierucci: «In questo ritorno, tanto atteso, alla normalità, la città è attraversata da iniziative e progetti che testimoniano un fermento che la pandemia non è riuscita a soffocare. Questo progetto ha grande rilevanza artistica sia per il valore dell’artista che per il suo legame con la nostra città».

Promo