Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Movimento Autonomi e Partite Iva: «Un’altra patrimoniale sarebbe illegale»

49 Visite

“Un’altra patrimoniale in Italia sarebbe illegale. La Patrimoniale è una tassa su patrimoni liquidi e solidi. In Italia abbiamo già molte tasse patrimoniali, pertanto un’ulteriore imposta sui patrimoni significherebbe tassare due o più volte lo stesso bene. Da qui si desume l’illegalità di un altro provvedimento statale che la sinistra vuole riesumare ma che sarebbe una vera e propria appropriazione indebita”. Lo afferma in una nota Eugenio Filograna, presidente del movimento Autonomi e Partite Iva.

“Le attuali patrimoniali pagate dagli italiani sono già abbastanza capienti di gettito tributario per lo Stato, circa 48 miliardi annui, e abbondantemente pesanti per i contribuenti. Aggiungere oggi un prelievo forzoso sui patrimoni significherebbe creare scontri sociali ed incontrollata rabbia verso la politica e la sua classe dirigente. Inoltre, si rischierebbero scontri sociali, frutto di un pregiudizio collettivo, tra chi subisce ulteriore prelievo forzoso per colpa di chi non ha pagato le tasse”, osserva Filograna.

“Ormai tutti sappiamo che la vera causa dell’evasione è la politica tributaria ossessivamente accanita sugli autonomi e partite iva, una politica tributaria che da decenni tassa chi non potrà mai pagare ciò che gli viene chiesto; e da qui la riduzione degli autonomi e delle partite iva da 8,2 milioni a 4,7 milioni odierni. Questa follia tributaria ha generato crediti assolutamente non recuperabili nel bilancio dello Stato e quindi un falso in bilancio di 1.000 miliardi che andrebbe sanato, non aumentando le tasse, e quindi non con le patrimoniali, ma con un condono equitativo che crei coesione sociale, accompagnata da convenienza collettiva”, conclude il presidente del movimento Autonomi e Partite Iva.

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo