Bariseranews.it – Oltre la notizia

EMPORIOAMATO_ECOMMERCE_MANCHETTE
zona franca
migorusperfast
PUGLIASERA
LUNGAVITA
logo Turbo Service_bianco 1024-01
BIRRA GARRABB _ nat bionda
fiera
Benn
Benn
Migro
taralloro
gran bontà
Alco
Premio Agorà – TOTEM_85x200_prova2-03
banner-pelati-migro-largo
banner-barisera-3
banner-SAN-NICHOLAUS-vini
banner-SAN-NICHOLAUS-e1599142133882
Banner_qui_conviene

Incidente ferroviario del Nord Barese, cinque anni dopo il ricordo in piazza Moro

807 Visite

Era il 12 luglio del 2016 quando, in una torrida mattinata estiva, sulla tratta Corato – Andria si consumava il peggior incidente ferroviario della storia pugliese. Nello scontro frontale tra due treni della Ferrotramviaria, lanciati in direzioni opposte sull’unico binario esistente, perdevano la vita 23 persone e ne rimanevano ferite oltre 50.
A distanza di cinque anni dalla tragedia, questa mattina in piazza Moro a Bari si è rinnovata la commemorazione delle vittime, cui è dedicata una lapide presso la fontana monumentale. Alla cerimonia, che ha previsto la deposizione di una corona di fiori e l’osservanza di un minuto di silenzio alle 11:05 (orario del disastro), hanno partecipato il sindaco di Bari Antonio Decaro, la prefetta Antonella Bellomo e una rappresentanza dei sindaci delle comunità colpite.

«Ogni anno torniamo in questo luogo simbolico, nei pressi della Stazione Centrale, per ricordare le donne e gli uomini che hanno perso la vita nel disastro ferroviario tra Andria e Corato. – ha commentato Decaro – Sono già passati cinque anni, e quelle lamiere accartocciate, la paura e il dolore di quella giornata sono ancora vividi nei ricordi nostri e di chi, in quella tragedia che ha segnato per sempre questa terra, ha perso un amico, un familiare, un collega. Quel giorno studenti, bambini, lavoratori, cittadini, a bordo di un treno, hanno incontrato la morte e da quel giorno niente è stato più lo stesso».

Attribuire la causa dell’incidente al binario singolo è una manifestazione di superficialità che, purtroppo, non si riesce ancora a debellare, al punto da aver innescato una sorta di fobia collettiva. A dire il vero, in Italia e in tutto il mondo si sprecano gli esempi di linee ferroviarie dove la circolazione avviene in piena sicurezza su un solo binario.
La sciagura del Nord Barese è imputabile, piuttosto, al mancato rispetto delle procedure relative al blocco telefonico – un sistema di sicurezza in cui il fattore umano è determinante, a differenza dei più recenti sistemi tecnologici che puntano invece all’automazione. Proseguono, comunque, le indagini della Procura di Trani per accertare le responsabilità dell’accaduto.

Oggi la tratta Andria – Corato è ancora interdetta alla circolazione dei treni; in compenso, però, è quasi pronto il binario di raddoppio e si stanno svolgendo importanti lavori anche sulle tratte adiacenti. Tutte opere progettate e finanziate prima del disastro, è doveroso specificare.
L’entità dell’incidente, sia per la violenta dinamica che per il tragico costo umano, ha comportato inoltre una pesante – e frettolosa – revisione della normativa nazionale in materia di sicurezza ferroviaria, in particolare per quanto attiene le linee secondarie. Da un lato, i nuovi provvedimenti sono riusciti ad abbattere notevolmente i fattori di rischio, nell’attesa che si realizzino i progetti per la messa in sicurezza definitiva; dall’altro, tuttavia, in alcuni casi le prescrizioni imposte hanno intaccato la velocità e l’efficienza dello stesso servizio ferroviario, arrecando non pochi disagi agli utenti (l’esempio delle Ferrovie Sud Est è senza dubbio il più emblematico).

«Oggi sicuramente i livelli di sicurezza si sono innalzati, l’attenzione è massima e le procedure per il trasporto ferroviario sono molto più stringenti, anche in memoria di quel sacrificio di vite umane che non deve essere dimenticato né vanificato. – ha aggiunto Decaro – Alle famiglie delle vittime va il nostro cordoglio, e accanto a loro continueremo a lottare perché giustizia sia fatta e simili tragedie non accadano mai più. Non dobbiamo perdere la speranza di tornare a pensare ai treni e al trasporto ferroviario come un sistema sicuro ed efficiente, proprio come succedeva a me da bambino, figlio di un ferroviere, cresciuto nel sogno e nella convinzione che i treni siano un simbolo di efficienza, velocità, modernità e progresso».

banner-MSF-A
banner_barisera_aranea
banner-mode-c

Promo