Giovinazzo protesta a Roma su distribuzione fondi nord-sud

La discriminazione tra Nord e Sud è evidente e non lo dicono le parole bensì i numeri.
C’era anche il Comune di Giovinazzo, rappresentato dal vicepresidente del Consiglio comunale, Pietro Sifo, alla manifestazione tenutasi a Roma dall’eloquente titolo #sudchiamaitalia.
Sindaci, presidenti di Regione e parlamentari si sono ritrovati in piazza Montecitorio per richiedere l’equità territoriale tra Nord e Sud. Oltre a tanti sindaci del Mezzogiorno, erano presenti i senatori De Bonis e De Falco.

Al centro della protesta il Pnnr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza e la disparità di fondi destinati al nord e al sud Italia.
Al Mezzogiorno doveva essere destinato il 70% del Pnnr, ma arriverà solo il 40% pari a 82 miliardi di euro. Ma neanche questi sono tuttora sicuri.
Ad oggi, di certo, solo 35 miliardi sono stati assegnati con certezza al Sud.
Gli altri sono legati a bandi che metteranno in competizione tra loro diverse amministrazioni su tutto il territorio nazionale.

In questo modo, il Pnnr non garantirà una ripartenza equa per tutto il Paese ma tenderà, in modo alquanto inequivocabile, a favorire il nord Italia.

Promo