Molfetta, il sindaco Minervini esprime solidarietà a volontario aggredito

Piena solidarietà ai tanti volontari e ai medici che da molto tempo sono al servizio della città e di tutta la comunità per vincere la battaglia con il virus.

L’aggressione al volontario di ieri pomeriggio è inaccettabile. L’intolleranza per l’attesa è il frutto di questa incultura che vede nella polemica a tutti i costi verso gli altri un modo di essere. Un modo di essere sbagliato, sbagliatissimo, che rende le persone incapaci di relazionarsi agli altri e, soprattutto, di rispettare gli altri.

Proviamo ad immaginare, per una volta, di essere quel medico o quel volontario, che da mesi, molto mesi, per 10 e più ore al giorno cerca di fare il suo lavoro ma non solo…serve la comunità per vincere la battaglia. Ecco che per queste semplici ma sostanziali ragioni questi atteggiamenti sono inaccettabili.

Guardiamo con gli occhi degli altri, impariamo il valore dell’attesa e, soprattutto, cerchiamo di comprendere gli altri. Dopo tutto a noi viene chiesto solo di collaborare e di attendere il nostro turno. Un compito mica così tanto difficile. Ma se proprio non ce la fate, invece di polemizzare sui social indossate delle cuffie e, nell’attesa, ascoltate un po’ di buona musica.

Promo