L’ impareggiabile sensualità del tango all’ Ospedaletto dei Crociati di Molfetta affascina il pubblico

È stata una inaugurazione con il botto quella promossa dall’ Associazione Labs Molfetta che in collaborazione l’associazione Auditorium, con l’Orchestra Filarmonica Pugliese e l’associazione culturale Symposium, hanno reso omaggio al ricordo di uno tra i più famosi musicisti del ventesimo: Astor Piazzolla.
A cento anni dalla sua nascita si è voluto ricordare questo grande artista di origine tranese con uno spettacolo di elevatissimo spessore culturale che ha rapito letteralmente il pubblico. Piazzola è stato un riformatore del tango e strumentista d’avanguardia, aspetti questi perfettamente messi in luce dai musicisti che si sono esibiti.
Nell’ atrio dell’ Ospedaletto dei Crociati di Molfetta è andato in scena “1, 10, 100 Astor”, un emozionante viaggio in musica e danza nel genio di Piazzolla, attraverso le opere più celebri dell’inventore del “nuevo tango”. L’ iniziativa rientra nella programmazione dell’ estate molfettese e ha costituito un evento di grande spessore artistico.
A presentare l’ Associazione che è composta da artisti e giovani professionisti che lavorano nel campo dell’ arte a tutto tondo, è stata presidente del sodalizio che ha illustrato le sue finalità.
Sul palco il virtuosismo e lo stile del quartetto “Tango Sonos” è stato accompagnato da due straordinarie coppie di ballerini, Neri Piliu con Yanina Quiñones e Pablo Nelson Piliu con Giselle Tacon.
Di una bravura eccezionale i ballerini che hanno dato vita ad esibizioni acrobatiche dal perfetto coordinamento fra loro e con la musica che ha sottolineato passi e movenze sinuose e sensuali accentuate anche dagli abiti succinti e che richiamavano lo stile del tempo. Alla base di una esibizione simile ci sono lunghissimi e duri allenamenti oltre all’ amore smisurato per questa disciplina di danza. Molto apprezzata anche l’esibizione dei due piccoli ballerini che hanno dato prova della loro bravura, nonostante la giovane età.
Sensualità, musiche travolgenti e trascinanti, una bellissima location hanno conquistato il pubblico che ha chiesto il bis applaudendo calorosamente tutti gli artisti.
Non si può non rendere merito ai musicisti dalle spiccate doti artistiche: Antonio Ippolito al bandoneon, Nicola Ippolito al pianoforte, Leo Gadaleta al violino e Giovanni Rinaldi al contrabbasso che hanno anche suonato brani da loro arrangiati che hanno messo in luce la contaminazione di varie culture musicali. A conclusione della serata ha portato il suoi saluti a nome dell’ amministrazione l’ assessore Maridda Poli e gli artisti, incoraggiati da un caloroso applauso hanno regalato un ultimo tango coinvolgendo anche i due ballerini in erba.



Paola Copertino

Promo