«Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
SABATO, 14 AGOSTO 2021
S. MASSIMILIANO MARIA KOLBE, PRESBITERO E MARTIRE – MEMORIA
====☕️====

—–•••—–

«Venite, benedetti del Padre mio», dice il Signore.
«In verità io vi dico: tutto ciò che avete fatto
a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me». (Mt 25, 34.40)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli.
✠ Dal Vangelo secondo Matteo
(Mt 19,13-15).
In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li rimproverarono.
Gesù però disse: «Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli».
E, dopo avere imposto loro le mani, andò via di là.

MEDITAZIONE
Salviano di Marsiglia [(400 ca-480 ca) sacerdote],
De Gubernatione Dei, pag. 269

“Lasciate che i bambini vengano a me”

Dio è la fonte e l’origine di ogni cosa; perché è in lui, come è scritto, che “viviamo, ci muoviamo ed esistiamo” (At 17,28), è da lui, sicuramente, che anche riceviamo tutto l’affetto col quale amiamo i nostri figli. L’universo intero e tutto il genere umano sono figli del Creatore, e così, attraverso l’affetto che ci fa amare i nostri figli, egli ha voluto che comprendessimo quanto egli ami i suoi figli. Poiché è scritto che “le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute” (Rom 1,20), egli ha voluto così farci comprendere il suo amore per noi, attraverso l’amore che ci ha dato verso le nostre opere. E come è scritto che “da lui ogni paternità nei cieli e sulla terra prende nome” (Ef 3,15), così ha voluto che riconoscessimo in lui l’affetto di un padre verso di noi.
E che dico, di un padre? Il suo amore è ben più grande di quello di un padre. Lo provano le parole del Salvatore nel Vangelo: “Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito” (Gv 3,16). E l’apostolo Paolo dice anche: “Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui?” (Rom 8,32).

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
O Dio, che al santo presbitero e martire
Massimiliano Maria [Kolbe],
ardente di amore per la Vergine Immacolata,
hai dato un grande zelo per le anime
e un amore eroico verso il prossimo,
concedi a noi, per sua intercessione,
di impegnarci senza riserve
al servizio degli uomini per la tua gloria
e di conformarci fino alla morte a Cristo tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra,
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.» (Cf. Mt 11,25)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.
+don Francesco

Promo