Carceri: Osapp, poliziotto aggredito da detenuto a Bari

Un assistente capo di Polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Bari è stato aggredito da un detenuto con un pugno sul volto, riportando lesioni con prognosi di 7 giorni. Lo rende noto il sindacato Osapp. “Un detenuto – spiega il sindacato – mentre si trovava al piano terra della seconda sezione, al diniego dell’agente di fruire dell’ascensore di servizio, poiché non autorizzato, all’improvviso scagliava un pugno in pieno volto dell’assistente capo”.

Il detenuto è stato bloccato grazie all’intervento degli altri agenti in servizio e il poliziotto aggredito è stato accompagnato in ospedale. “La situazione – dice l’Osapp – è al tracollo più totale, il personale non ce la fa più, servirebbero dai 60 agli 80 agenti per ripristinare l’efficienza del carcere sotto il profilo della sicurezza. A questo punto – continua – chiediamo agli organi di governo e dell’amministrazione un piano di trasferimenti straordinario di personale in Puglia” e in particolare per il carcere di Bari, “tenuto conto – spiega il sindacato – della complessità dell’istituto penitenziario e della geografia dei clan criminali che pongono Bari come un punto sensibile per tutta la Puglia”.

Promo