La storia infinita della nuova area mercatale di Molfetta

Non nasce sotto una buona stella la nuova area mercatale che l’Amministrazione Comunale ha individuato nelle aree comprese tra la S.S. 16 bis, via mons. A. Bello e via dei Salesiani.

In un primo momento le perplessità dei rappresentanti delle associazioni di categoria degli ambulanti che erano contrari al trasferimento del mercato settimanale del Giovedì.

Poi, i problemi legati all’assegnazione dei posti…
Poi, iniziati i lavori nel gennaio del 2020, nei mesi successivi fu fatta una variante al progetto esecutivo che fece lievitare i costi…

Poi, il Comune liquidò la ditta aggiudicataria dei lavori… anche se i lavori non sono terminati…
Poi, il fermo cantiere… che dura da mesi…
Poi, non ultimo la protesta dei cittadini residenti intervistati in un servizio del TG Norba. Quell’area così dismessa, abbandonata, piena di sporcizie, fonte di grandi disagi per gli abitanti per via della polvere che crea problemi di vivibilità del quartiere soprattutto a chi soffre di allergia…

Dal Comune, viene sottolineato nel servizio giornalistico di TeleNorba, provvederanno a nominare un nuovo Responsabile Unico del Procedimento per portare a termine quanto prima i lavori.

In definitiva, in tutta questa vicenda, hanno protestato tutti: gli ambulanti, le associazioni di categoria, i residenti del quartiere…
Un’opera quindi che ha “rivitalizzato” le proteste di una “periferia cittadina”.

Eppure si va avanti…
Ma, come dicevano anticamente i latini, ci chiediamo: “Cui prodest?”

A chi giova questa nuova area mercatale?

di Mimmo Spadavecchia

Promo