Bariseranews.it – Oltre la notizia

Aikido e Shiatsu a Bari? Scopriamoli con Gargiulo: “Un mondo meritevole di attenzioni” (VIDEO INTERVISTA)

367 Visite

Aikido e Shiatsu: discipline che non dicono niente a molti, ma che rivestono un’importanza enorme. Per il corpo e per lo spirito. E guai a considerarli come un qualcosa di cui si può fare a meno. Staccare dalla routine quotidiana, prendersi una pausa con sé stessi, trovare alla radice i propri problemi: tutto questo fa parte del progetto, ma non solo. Ci guida piacevolmente alla scoperta di tutto questo l’istruttore Luigi Gargiulo. Classe 1953 di origini campane, ma nato ad Asti, creatore del MI ZAI Shiatsu e fondatore dell’Istituto MI ZAI, pratica queste discipline da oltre quarant’anni con ottimi risultati, cercando di diffondere il verbo verso il numero più alto possibile di persone. “Bisogna essere fortunati, a volte, nella vita. Ho sempre ritenuto che queste discipline potessero rappresentare una vocazione per me, cosa che effettivamente è avvenuta. Io ero laureato in informatica, poi la svolta. Queste discipline ti aiutano a stare bene interiormente, ti fanno capire che la forza interiore è molto importante e che la violenza non è necessaria. Sono, le mie, discipline che ti aiutano a lavorare sul corpo e sullo spirito”.

Mai abbattersi, nonostante le avversità. Soprattutto in tempi di pandemia, come si è affrontato questo ostacolo? “La paura – spiega – si è abbattuta sulla gente, che segue ciò che gli viene detto perché non ha la forza necessaria per opporsi. E anche le difese immunitarie si abbassano. E’ nel cuore, in certi casi, che bisogna capire che le cose non vanno. E si va dalle persone che possono aiutarti. Bisogna stare attenti perché comunque il mondo è pieno di persone approssimative. Ma aikido e shiatsu possono aiutare a far fluire la paura, comprenderla e usarla. Essa è una forma di energie, come altre, che però diventa fobia”.

Come nasce la passione per questa disciplina? Di sicuro parte da lontano: “Ai miei tempi, quando ero informatico, c’erano pochissime persone ad appassionarsi a queste discipline, ma io avevo il mio hobby. Ho girato per il mondo, soprattutto in Giappone ho conosciuto diverse persone importanti e molti maestri nel mio percorso, non mi sono fermato alla superficie ed ho cercato in profondità. Ho cercato di essere il più completo possibile, in tutto. Superando ogni muro. Cosi sono anche riuscito ad avere scuole in Europa e in America. In Giappone ci sono stato per periodi lunghi ed altri brevi. Anche la mia compagna è giapponese”. Tanti i maestri: tra questi spiccano i vari H. Tada Sensei, W. Ohashi sensei, Suzuki Sensei e H. Maeda Sensei.

Le ultime Olimpiadi si sono svolte in Giappone. Tale vetrina è importante per avvicinare i giovani verso nuovi sport. Ma, ritiene Gargiulo, il principio di De Coubertin (non è importante vincere, ma partecipare) sta scemando nonostante l’importanza dello spirito sportivo rimanga comunque importante: “Ho sempre guardato le Olimpiadi, mi piacciono perché le persone si mettono in gioco. Ma lo sport sta diventando sempre più competizione per vincere, prevalere sull’altro. Per me lo sport deve essere anche gioco e piacere, non solo voglia di prevalere sull’altro. Le arti marziali sono nate anche come strumento di guerra, ma alcune discipline come le mie lavorano in senso opposto, per evitare la guerra. Bisogna essere guerrieri di luce, per essere utile agli altri. Per questo parlo di energia interna da usare nel modo giusto, per stare a questo mondo nel modo migliore”.

Una battuta non può mancare sulla sua attività nel quartiere Carbonara, che dura da ormai un quinquennio: “Dopo il lockdown tutto riprenderà, speriamo sia con che senza green pass. Bisogna uscire da questo tunnel. Ho visto una grande differenza nelle persone, in questo periodo, nella loro  reazione. C’è molto bisogno di aiuto assoluto, in senso globale. Non solo sul piano fisico, ma anche su mente, corpo e spirito. Vedo, per il resto, un bellissimo futuro. Il nostro movimento ha subito tante trasformazioni e continua a subirne ancora”.

 

Per l’intervista completa, ecco i nostri tre estratti-video del proficuo incontro col signor Gargiulo. 

Parte 1

Parte 2

Parte 3

Promo