«Vegliate, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà», il caffè spirituale di mons. Savino

CAFFÈ SPIRITUALE
GIOVEDÌ, 26 AGOSTO 2021
GIOVEDÌ DELLA XXI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)
====☕====

—–•••—–

«Signore, tendi l’orecchio, rispondimi.
Tu, mio Dio, salva il tuo servo, che in te confida.
Pietà di me, o Signore, a te grido tutto il giorno.» (Sal 85,1-3)

✠ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

VANGELO
Tenetevi pronti.
✠ Dal Vangelo secondo Matteo
(Mt 24,42-51).
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Vegliate, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo.
Chi è dunque il servo fidato e prudente, che il padrone ha messo a capo dei suoi domestici per dare loro il cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così! Davvero io vi dico: lo metterà a capo di tutti i suoi beni.
Ma se quel servo malvagio dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda”, e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a mangiare e a bere con gli ubriaconi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli ipocriti: là sarà pianto e stridore di denti».

MEDITAZIONE
Attribuita a San Macario l’Egiziano (? – 390)
monaco
Omelie spirituali, n. 33

Vegliare, con la preghiera, in attesa di Dio

Per pregare, non ci vogliono gesti, né parole, né silenzio, né genuflessioni. La preghiera, saggia o fervente, deve essere attesa di Dio, fino a che Dio venga e visiti la nostra anima per tutte le sue vie, tutti sentieri, i sensi. Basta coi nostri silenzi, gemiti e singhiozzi: cerchiamo solo l’abbraccio di Dio nella preghiera.
Non facciamo tutto lo sforzo possibile quando lavoriamo? Non usiamo tutte le membra? Anche l’anima nostra si consacri interamente alla preghiera e all’amore del Signore; non si lasci distrarre né importunare dai suoi pensieri; resti in profonda attesa di Cristo. Allora Cristo l’illuminerà, le insegnerà la vera preghiera, le darà la supplica pura e spirituale secondo Dio, l’adorazione “in spirito e verità” (Gv 4,24).
Chi è commerciante non cerca semplicemente di realizzare un guadagno. Si sforza anche con tutti i mezzi di accrescerlo. Intraprende nuovi viaggi e rinuncia a quelli che non gli recano profitto; parte solo con la speranza di un affare. Come lui, anche noi impariamo a condurre l’anima sulle vie più diverse e più opportune, e acquisteremo – supremo e vero guadagno – Dio che ci insegna a pregare nella verità.
Il Signore ama stare in un’anima fervorosa, ne fa il suo trono di gloria, vi si siede e vi dimora.

PADRE NOSTRO…

ORAZIONE
O Dio, che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi
e desiderare ciò che prometti,
perché tra le vicende del mondo
là siano fissi i nostri cuori dove è la vera gioia. Per Cristo nostro Signore. Amen.

✠ Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

******
«Vegliate e tenetevi pronti, perché, nell’ora che non immaginate,
viene il Figlio dell’uomo.» (Mt 24,42a.44)
In Cristo Gesù, nostra Speranza, Via, Verità e Vita, sia benedetta questa giornata.
+ don Francesco

Promo