Bari, blitz nelle campagne di Mellitto: scoperto bazar ricettazione

I carabinieri della compagnia di Modugno hanno denunciato tre persone, due uomini e una donna, tutti noti alle forze dell’ordine: si tratta di due fratelli di 29 e 27 anni e della compagna di quest’ultimo, una 24enne, tutti accusati di ricettazione.

I fatti risalgono a qualche giorno fa e hanno avuto spunto dal furto di un furgone, con tutto il suo carico, rubato da un deposito sito a Bari e recuperato subito dopo dai carabinieri della sezione radiomobile Modugno, lungo la SS96. Questo rinvenimento insieme a quello del giorno precedente, relativo a un furgone rinvenuto, senza carico, nelle campagne di Grumo Appula, ha indirizzato le indagini dei Carabinieri che hanno setacciato casolari abbandonati e trulli, sino ad individuare, nelle campagne di Mellitto, in località Lama Felice, una vecchia masseria al cui interno è stato trovato un vero e proprio bazar di refurtiva.

All’arrivo, i carabinieri hanno trovato due nuclei familiari, costituiti da soggetti noti per essere dediti alla commissione di reati predatori. L’immediata perquisizione ha consentito di trovare merce di provenienza furtiva, del valore superiore a diecimila euro e della quale i tre non sapevano giustificarne il possesso.

In un trullo sono stati trovati tre generatori elettrici, un compressore, una bilancia pesa alimenti e vari utensili da cantiere; in un secondo trullo sono stati trovati cinque televisori, vari utensili e sei sedie da giardino, latte d’olio d’oliva, diverse taniche d’olio per automobili, nonché prodotti per parrucchieri, per la pulizia della casa e dell’igiene intima.

Ovviamente il successivo rinvenimento, sotto ad un albero, di un cartone contenente bigiotteria, nonché l’elevato quantitativo di prodotti simili, come appunto le decine di spazzole professionali per parrucchieri, ancora confezionate, hanno lasciato intuire che si trattasse di merce di provenienza furtiva.

Durante la perquisizione i militari hanno poi rinvenuto tre pistole, due giocattolo e una lanciarazzi, tutte prive di tappo rosso, che sono state sequestrate insieme a quella merce per la quale si sta ancora cercando di individuare il luogo da dove sia stata asportata.

Infatti per la maggior parte della merce si è accertato che la stessa era provento di un furto, avvenuto a Bari qualche giorno prima, guarda caso sempre dalla stessa area di deposito da dove proveniva il furgone rinvenuto con la merce rubata e già restituito. Le tre persone, non sapendo giustificare la provenienza della merce, sono state portate in caserma e a conclusione degli accertamenti, sono stati deferiti in stato di libertà per ricettazione e per la violazione della legge sulle armi.

Promo