Bari, contributi povertà senza istruttoria: dipendente comunale denunciato per abuso ufficio

Contributi per contrastare la povertà riconosciuti a 107 persone dopo un colloquio: un dipendente del comune di Gravina di Puglia (Bari) è finito sotto inchiesta per abuso d’ufficio e falsità ideologica.Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Savina Toscani, hanno avuto per oggetto i contributi ai quali può accedere chi si trova in condizioni di disagio economico-sociale, con indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 3mila euro. Stando a quanto accertato dalla Guardia di Finanza di Altamura, il dipendente ha erogato oltre 188mila euro senza acquisire le istanze con le attestazioni Isee.

Nei confronti del dipendente è stata emessa sentenza di patteggiamento a 1 e mesi 4 di reclusione, con il riconoscimento del beneficio della pena sospesa. Lo stesso è stato deferito alla procura regionale presso la Corte dei Conti di Bari per aver cagionato un danno erariale.

Promo