Covid: Zullo (Fdi), vogliamo chiarezza su ospedale in Fiera a Bari

“E’ evidente e auspicabile che l’ospedale Covid in Fiera possa non servire più e che i reparti di terapia intensiva degli ospedali pugliesi possano, quindi, sopportare e supportare in maniera ordinaria l’eventuale nuova ondata Covid.

Quindi è opportuno che si faccia chiarezza a 360 gradi della struttura sanitaria, ma soprattutto della Fiera del Levante di Bari”.

E’ quanto chiede il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale pugliese, Ignazio Zullo in merito alla permanenza dell’ospedale Covid all’interno dell’area della Fiera del Levante. “Mi risulterebbe alquanto difficile – prosegue – credere che il centrosinistra pugliese e barese possa essere favorevole a una sanatoria urbanistica, perché di questo stiamo parlando: le aree destinate ad attività fieristiche per rendere l’ospedale non abusivo devono essere trasformate, con variazione urbanistica, in aree sanitarie. Con tutto quello che ne consegue, anche a livelli di costi. Insomma, l’ospedale Covid della Fiera dovrebbe rientrare nel Piano ospedaliero e quindi mutarlo. La domanda, però, sta nella premessa: perché Bari è già dotata di tre grandi ospedali (Policlinico, San Paolo e Carbonara, senza considerare il Pediatrico), a cosa serve un’altra struttura nella Fiera?”.

Promo