Qualità dell’aria, in arrivo a Noicattaro tre centraline per il monitoraggio

L’aria salubre come volano per il benessere dei cittadini ma anche per la promozione del territorio. Sono questi gli obiettivi che hanno portato la Giunta comunale di Noicattaro ad approvare la delibera n. 123 del 27 agosto scorso, con cui è stata stanziata la somma di 42mila euro per avviare un ambizioso progetto di monitoraggio ambientale.
Nel dettaglio, 25mila euro saranno impiegati per l’acquisto di tre centraline da posizionare in punti strategici del territorio nojano, mentre i restanti 17mila euro copriranno le spese di gestione del sistema per un periodo di tre anni. Ad aggiudicarsi il servizio, dopo un’indagine di mercato condotta dall’amministrazione comunale, è stato l’Istituto per la BioEconomia del Cnr di Firenze con la sua piattaforma innovativa AirQino.

L’ubicazione di massima delle tre apparecchiature è stata già decisa: una nel centro urbano, una nella zona residenziale verso mare e una nelle campagne intermedie, dove si concentra la produzione della pregiata uva da tavola nojana.
Le prime due centraline avranno una configurazione base, che permetterà di monitorare soprattutto gli agenti inquinanti legati al traffico stradale. La terza, invece, avrà una configurazione speciale studiata appositamente per l’ambito agricolo: in questo caso, infatti, i fenomeni più preoccupanti sono l’utilizzo di sostanze nocive (come i pesticidi) e gli incendi di teloni e sterpaglie, che hanno esasperato i disagi dei cittadini nei mesi roventi appena trascorsi.

«Tra le poche aziende specializzate del settore presenti oggi in Italia, abbiamo scelto un partner d’eccellenza che ci ha affiancati nella redazione del progetto e che ora, grazie alle risorse stanziate, potrà avviare le attività. – spiega l’assessore comunale all’Ambiente, Vito Fraschini – Con l’analisi dei dati che saranno raccolti, l’amministrazione potrà attuare una serie di politiche e misure mirate al raggiungimento di importanti benefici. Pensiamo ad esempio al miglioramento dei flussi di traffico, alla promozione di forme di mobilità sostenibile, all’incremento del verde urbano per assorbire più CO e contrastare le isole di calore, o alla creazione di aree cuscinetto per mitigare gli effetti dei trattamenti fitosanitari in agricoltura».

Nell’ottica della massima trasparenza e della cittadinanza consapevole, i dati saranno pubblicati periodicamente su portali pubblici e messi anche a disposizione della comunità scientifica. Avranno inoltre un particolare valore in termini di marketing territoriale, per spingere sulla promozione dell’uva da tavola nojana come prodotto d’eccellenza, coltivato secondo le migliori tecniche agronomiche ed ecosostenibili.

«La sostenibilità del territorio, la tutela dell’ambiente e la difesa della salute dei cittadini sono da sempre priorità irrinunciabili del nostro percorso e costituiranno punto cardine del nostro prossimo operato» afferma il sindaco Raimondo Innamorato, con la speranza di una riconferma alle ormai imminenti elezioni amministrative del 3-4 ottobre.

Promo