Escort: udienza processo a Tarantini il 18 ottobre in Cassazione

Si discuterà il 18 ottobre l’udienza in Cassazione del processo “escort”, sulle donne portate da Giampaolo Tarantini tra il 2008 e il 2009 alle serate organizzate nelle residenze private di Silvio Berlusconi, all’epoca presidente del Consiglio dei Ministri, perché si prostituissero. Unico imputato è l’imprenditore barese Tarantini, condannato nel settembre 2020 dalla Corte di Appello di BARI alla pena di 2 anni e 10 mesi di reclusione (ridotta rispetto ai 7 anni e 10 mesi del primo grado per prescrizione di 14 dei 24 episodi contestati), accusato di reclutamento e favoreggiamento della prostituzione. Tarantini è assistito dagli avvocati Nicola Quaranta e Vittorio Manes.

L’udienza era stata rinviata a nuovo ruolo nel luglio scorso perché ai ricorsi della Procura generale di Bari e della difesa di Tarantini, si era aggiunto quello della parte civile, Patrizia D’Addario (tra le donne portate da Tarantini), assistita dall’avvocato Pasquale Rago. La donna – che in primo grado non aveva ottenuto il risarcimento dei danni – è stata riammessa nel processo solo alcuni mesi fa, dopo che i giudici della Suprema Corte hanno annullato l’ordinanza con la quale la Corte di Appello di Bari aveva estromesso – perché tardiva – la sua costituzione.

Promo